rotate-mobile
Calcio

Eccellenza Campania - Dalla frenata dell'Ischia al momento negativo del Napoli United: le dieci verità della 24esima giornata

È andata in archivio la ventiquattresima giornata del campionato di Eccellenza: questi i verdetti per le napoletane scese in campo

La ventiquattresima giornata del campionato di Eccellenza è alle spalle, si è chiuso nel weekend il programma del massimo torneo dilettantistico regionale. Risultati e verdetti inaspettati, queste le dieci verità che lascia il settimo turno del girone di ritorno per le squadre napoletane:

  1. L’Ischia soffre contro la compattezza difensiva delle medio-piccole della competizione. Dopo aver archiviato gli stop nella fase d’andata, la capolista del Girone A è tornata a rallentare dopo un ottimo periodo sul piano dei risultati. Lo 0-0 dello Stadio Mazzella contro il Massa Lubrense riduce il vantaggio sulle inseguitrici. Numerose occasioni create e, al contempo, sciupate: il triplice fischio ha il sapore della beffa.
  2. Il Casoria trova sempre la chiave di svolta delle partite e resta attaccato al vagone principale. -1 dai gialloblù in classifica, vittoria convincente contro lo Sporting Club Ercolanese: uno 0-2 allo Stadio Papa accantonato in una manciata di minuti tra le due frazione di gioco. Zero rischi corsi, zero conclusioni concesse e tanti pericoli portati nell’area avversaria: miglior attacco del campionato.
  3. Il Pompei è, ad oggi, la terza forza del raggruppamento. Dopo la discussa vittoria sul Casoria lo scorso 21 dicembre e il precedente pari sul campo dell’Albanova, i rossoblù di Giovanni Masecchia sbancano anche il Vallefuoco, fortino del Napoli United. Tra sei giornate ci sarà la trasferta sul campo dell’Ischia e, al netto dei prossimi appuntamenti (alcuni anche probanti), il club del patron Mango vorrà arrivarci nel miglior piazzamento possibile.
  4. Il Napoli United deve guardarsi ancora le spalle, la sconfitta del sabato pomeriggio alimenta speranze per lo Sporting Club Ercolanese, distante appena un punto. I Leoni di Diego Armando Maradona jr. occupano l’ultimo posto disponibile per la disputa dei playoff, servirà un rapido riscatto dopo le due sconfitte consecutive. I vesuviani, d’altro canto, proveranno a sfruttare i passi falsi di Barone e compagni.
  5. Momenti non semplici per Sant’Antonio Abate e Acerrana. Il team di Mario Di Nola crolla nella sfida interna e subisce il secondo ko consecutivo, l’obiettivo salvezza sembra ormai raggiunto, ma non bisogna abbassare la concentrazione. Il Toro, dopo aver perso la finale di Coppa Italia Dilettanti contro il San Marzano, certifica la leggera flessione con un altro tonfo in pochi giorni.
  6. Il Savoia ha una squadra attrezzata per togliersi dalla zona calda della classifica e la vittoria casalinga contro i granata di Di Buono ha permesso ai biancoscudati di uscire dalla griglia playout. Dall’avvento della nuova società e di mister Vincenzo Criscuolo in panchina, i Bianchi hanno trovato una loro dimensione e puntano alla permanenza diretta nella categoria.
  7. Tre squadre in un punto, due sono napoletane. Il Pomigliano, a quota 28 lunghezze, è in crisi e lo stravolgimento di dicembre non ha aiutato. Il Real Forio, appena un punto sotto assieme al Villa Literno, è quella che più si è rinforzata nel mercato di riparazione. Isolani e casertani guardano in maniera ghiotta alla posizione dei granata, ultima disponibile per la salvezza diretta: si prospetta una volata intensa.
  8. Buon blitz del Givova Capri Anacapri allo Stadio Ugo Gobbato, il Saviano - malgrado le numerose assenze - non riesce a sfruttare l’impegno interno per conquistare un bottino utile. Il Massa Lubrense si riscopre incubo per le big della competizione, mentre la Montecalcio conferma l’altalena di risultati: due eviteranno la retrocessione diretta, le altre saluteranno definitivamente la competizione.
  9. Nel Girone B, prestazione solida dell’Ercolanese sul rettangolo verde dell’Agropoli: un punto che tiene ancora aperte le speranze playoff. Fiducia altresì in casa Vico Equense: i costieri, con la sorprendente vittoria di misura sul manto della Virtus Avellino, riducono lo svantaggio dalla salvezza.
  10. Sempre più ultimo il Sant’Agnello: nonostante una prova sofferta contro il Costa d’Amalfi, la squadra di Guarracino riesce a guadagnare un punto. Bottino tutt’altro che esaltante, il team partenopeo resta a -9 dal penultimo posto e a -10 dalla griglia playout. La salvezza è un miraggio, ma la squadra è chiamata a crederci.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccellenza Campania - Dalla frenata dell'Ischia al momento negativo del Napoli United: le dieci verità della 24esima giornata

NapoliToday è in caricamento