rotate-mobile
Calcio

Scontri a Napoli, cinque daspo per i tifosi tedeschi

In occasione dell'incontro di Champions tra tedeschi e azzurri

Il questore di Napoli ha adottato cinque provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive (DASPO), della durata di tre anni, nei confronti di altrettanti tifosi tedeschi, tra i 21 e i 38 anni, per aver partecipato il 15 marzo scorso, prima dell’incontro di calcio di Champions League Napoli-Eintracht presso lo stadio “Maradona”, ad un corteo non autorizzato mettendo in pericolo la sicurezza pubblica e creando turbative per l’ordine pubblico.

In particolare, tra il 14 ed il 15 marzo, circa 500 tifosi tedeschi hanno raggiunto Napoli sprovvisti del titolo di ingresso per l’accesso allo stadio; nella mattinata del 15, dopo essersi riunti all’esterno dell’Hotel Royal Continental, circa 350 tifosi hanno attraversato la città in corteo per poi giungere a piazza del Gesù costantemente monitorati dalle forze dell’ordine. Poco dopo, circa 200 tifosi partenopei, molti dei quali travisati e armati di bastoni, bottiglie ed altri oggetti contundenti, si sono diretti verso la stessa piazza ed hanno raggiunto Calata Trinità Maggiore esplodendo petardi e lanciando fumogeni verso i mezzi delle forze dell’ordine provocando la reazione dei tifosi tedeschi che, a loro volta, hanno lanciato materiale pericoloso contro gli operatori che hanno poi aggredito.

Le attività investigative svolte dalla Digos, con il supporto delle immagini registrate dagli operatori del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, hanno condotto all’identificazione dei cinque, e proseguiranno nei prossimi giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri a Napoli, cinque daspo per i tifosi tedeschi

NapoliToday è in caricamento