rotate-mobile
Calcio

Ambrosini si scusa con i napoletani: "Non ho accusato Lozano di essere un simulatore"

"Nella mia carriera venivo contestato perché a volte accentuavo certi interventi che subivo"

Massimo Ambrosini, ex centrocampista del Milan e seconda voce di Dazn nel match di Champions Milan-Napoli, è stato travolto dalle critiche di presunta faziosità per alcuni giudizi sulla partita ed in particolare su Lozano. Nel corso di Radio Goal, programma in onda sulla emittente Kiss Kiss, si è così giustificato: "Mi dispiace che i napoletani si siano offesi per quanto ho detto su Lozano. Ho avuto sempre rispetto per il Napoli. Nella mia carriera venivo contestato perché a volte accentuavo certi interventi che subivo. Non ho accusato Lozano di essere un simulatore, ma ho solo detto che a volte va giù troppo facilmente".

Ambrosini che recentemente ha perso la madre e rivelato la malattia del figlio (una grave forma di diabete) ha poi proseguito: "Notizia peggiore per il Napoli non è la sconfitta, ma le squalifiche di Kim e Anguissa. Il Napoli non ha permesso al Milan di ragionare e lo ha fatto con qualità. Con Osimhen al ritorno la partita sarà bella. Il metro arbitrale è stato cambiato in maniera radicale tra primo e secondo tempo. Leao andava ammonito, come del resto anche Krunic. Il secondo fallo di Anguissa viene sempre punito col giallo purtroppo e Kim è stato troppo ingenuo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambrosini si scusa con i napoletani: "Non ho accusato Lozano di essere un simulatore"

NapoliToday è in caricamento