rotate-mobile
Basket

Serie B: La Geko si ferma sul più bello al PalaPuca vince la Luiss

Si ferma sul più bello la striscia di successi della Geko, che cede alla Luiss al termine di una partita lunga ed intensa macchiata a più riprese dalla conduzione della coppia arbitrale, mai in grado di gestire i momenti più importanti del match

Si ferma sul più bello la striscia di successi della Geko, che cede alla Luiss (82-85) al termine di una partita lunga ed intensa macchiata a più riprese dalla conduzione della coppia arbitrale, mai in grado di gestire i momenti più importanti del match. Sant’Antimo paga la “falsa partenza” nell’ultimo parziale (1’ punto al 35’), ma lotta con orgoglio fino all’ultimo secondo riaprendo nel finale una partita che sembrava compromessa.

LA PARTITA –  Geko al completo, non succedeva dalla 4^ giornata, e coach Gandini che può rilanciare il suo quintetto base standard con i rientranti Scali e Sgobba, Luiss che invece si presenta al PalaPuca priva di Pasqualin e Di Bonaventura e parte con Barbon e Perotti nei 5 iniziali. Le prime battute servono ad entrambe le squadre a prendere le misure sui rispettivi avversari diretti, al 4’ arriva il primo allungo santantimese con Mennella che firma il 9-5 in contropiede ma Roma resta lì con l’atipicità e l’atletismo dei suoi esterni e al 6’ è ancora parità a quota 12. Maggio e Sgobba provano a dare un altro strattone alla gara (20-15 all’8’) ma anche stavolta non è quella giusta, la Luiss rientra e il primo quarto va in archivio sul 20-20. Si riparte con una schiacciata di Quarisa e la risposta di Allodi, si procede per 4 minuti di sostanziale equilibrio e poi i capitolini ripassano con una tripla di Jovovic e un canestro di Murri (26-29 al 14’). La Geko prova a reagire, ma una serie di brutti fischi arbitrali la fanno innervosire e così sono gli ospiti ad allungare (26-32). E’ un momento delicato, Maggio lo spacca coon una tripla delle sue, poi sono 3 punti di Gloria e un canestrone del capitano a riportare i locali sul -1 (35-36 al 18’). Ma la Luiss risponde con 6 punti di uno strepitoso Fallucca e così all’intervallo lungo è ancora vantaggio esterno (38-42).

L’ala tiene avanti gli universitari anche in avvio di ripresa (45-51 al 24’), la squadra di Paccariè è più reattiva sulle palle vaganti e trova in Legnini e Barbon dei terminali perfetti, ma la Geko è sempre lì e al 27’ ripassa con una tripla di Sgobba e una gran schiacciata di Gloria (58-56). Il PalaPuca ribolle di entusiasmo, Scali ruba e realizza per il +4 ma subito dopo incorre nel terzo fallo personale, poi è Mennella ad allungare (64-58 al 29’). Un +6 che Roma dimezza solo a 5” dal 30’ con due liberi di Jovovic e un personale di Barbon rimediato per un tecnico fischiato a Gandini.

E’ lunga, e apertissima, Sant’Antimo riparte con due errori e Murri pareggia di nuovo al 32’, riaccendendo una battaglia che viene rovinata, ancora, dalla coppia arbitrale: al 34’ altro tecnico a Mennella e la Luiss rimette la testa avanti (64-65). La Geko rompe il suo silenzio un minuto dopo con un libero di Gloria ma in attacco si continua a fare troppa fatica e così, al 36’ Jovovic e Legnini rilanciano le ambizioni corsare di Roma (65-70). Cantone prova scuotere i suoi con una bella soluzione in area, poi però arriva il 4’ fallo di Quarisa, quattro errori in serie, e così la Luiss dalla lunetta può scappar via fino al +9 a 2’08. Time out di Gandini per organizzare l’ultimo assalto ma quando si riprende c’è l’ennesimo fischio assurdo per il quinto fallo di Scali e il secondo tecnico, con conseguente espulsione, per il coach santantimese. Sul 67-80 maturato tutto dalla lunetta, la Geko prova ad imbastire la sua ultima reazione con Mennella che segna 5 punti in un amen per il 74-80 a 1’30. Sul ribaltamento di fronte però alla guardia di Torre del Greco viene fischiato fallo antisportivo su Legnini (il quinto), volano colpi proibiti in mischia e vengono espulsi Maggio e lo stesso Legnini. Finita? Neanche per sogno, Zini mette i liberi, poi però Montanari e Sgobba fanno 6-0 e a 46” dalla fine è 80-83. Con Sabatino, Montanari e Coralic in campo la Geko ruggisce insieme al suo pubblico ma non riesce a piazzare l’ultima zampata per quella che sarebbe stata una clamorosa rimonta. Finisce 82-85.

IL DOPOGARA DI COACH GANDINI – “Brava la Luiss che ha giocato con maggiore energia meritando questa vittoria, noi abbiamo fatto male delle cose che potevamo fare meglio ma questo gruppo è sulla strada giusta e a gennaio ripartiremo da questa consapevolezza. Questi ragazzi non vogliono perdere e paradossalmente lo hanno dimostrato anche stasera”

Geko PSA Sant'Antimo - Luiss Roma 82-85 (20-20, 18-22, 26-19, 18-24)

Geko PSA Sant'Antimo: Giorgio Sgobba 19 (3/7, 3/6), Marco Mennella 12 (5/9, 0/4), Mirko Gloria 12 (5/9, 0/0), Roberto Maggio 10 (1/2, 2/7), Andrea Quarisa 8 (4/4, 0/0), Guido Scali 7 (2/4, 1/1), Carlo Cantone 7 (2/2, 1/4), Fabio Montanari 7 (2/2, 0/0), Sreten Coralic 0 (0/0, 0/0), Luca Vergara 0 (0/0, 0/0), Andrea Sabatino 0 (0/0, 0/0), Flavio Cannavina 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 22 - Rimbalzi: 35 7 + 28 (Mirko Gloria, Guido Scali 8) - Assist: 14 (Carlo Cantone 7)

Luiss Roma: Matteo Fallucca 20 (2/3, 4/13), Matija Jovovic 15 (2/6, 2/4), Riccardo Murri 14 (3/4, 1/5), Cesare Barbon 13 (2/2, 2/10), Marco Legnini 13 (2/3, 2/5), Alessandro Perotti 4 (2/3, 0/0), Giovanni Allodi 4 (2/6, 0/0), Andrea Zini 2 (0/0, 0/1), Giuseppe Invernizzi 0 (0/0, 0/0), Sean Busca 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 22 / 35 - Rimbalzi: 33 11 + 22 (Matija Jovovic 7) - Assist: 7 (Matteo Fallucca 3)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B: La Geko si ferma sul più bello al PalaPuca vince la Luiss

NapoliToday è in caricamento