rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Basket

La Geko non sbaglia. Battuta nettamente Corato

Riprende con una vittoria forse più netta di quanto dica il +18 finale, la stagione della Geko che regola Corato travolgendolo nella fase centrale del match e regala ai 1000 del PalaPuca una serie di giocate ad alto livello di spettacolarità

Riprende con una vittoria forse più netta di quanto dica il +18 finale (81-63) la stagione della Geko, che regola Corato travolgendolo nella fase centrale del match e regala ai 1000 del PalaPuca una serie di giocate ad alto livello di spettacolarità. Fabio Montanari top scorer tra i santantimesi con 19 punti all’attivo.

LA PARTITA –  Starting five classico per coach Gandini, Corato risponde con Artioli e Gambarota in quintetto assieme a Stella, Trunic e Boev. La Geko sbaglia i primi 3 tiri della sua partita, poi è Maggio a rompere il silenzio e Sgobba a fissare il 5-0 del minuto 2. Seguono altri errori per i padroni di casa (al 5’ Sant’Antimo è 2/11 dal campo) ma i pugliesi non ne approfittano e così quando al 7’ i verdeblù si sbloccano (ancora con Sgobba) è fuga sul 12-2. Dura pochissimo, sette punti di Infante rimettono in partita Corato che a 40” dalla prima sirena torna addirittura a -1. Cantone e Gloria provano a ristabilire le distanze in avvio di 2’ quarto (18-13), poi sono Cannavina euno scatenato Montanari a siglare il 25-17 del 14’ che fa esplodere il PalaPuca. La Geko è più fluida, riesce a correre in transizione, e al 15’ torna a +10 con un canestrone di Mennella. Sale di livello anche la difesa e al 18’ il margine per i padroni di casa è di 15 punti (37-22) con Corato che resta aggrappata alla partita solo grazie alle iniziative di Stella. Al 21’ è 45-29, +16, con una schiacciata di Quarisa pescato da Maggio con una magia, poi è proprio il play puteolano a fissare il +19 (52-33)  del 25’. E’ il momento di chiuderla, e invece Corato fa 7-0 con Trunic e Infante e la partita torna viva. Per poco però Cantone infila due triple delle sue e poi a 20” dal 30’ è Montanari a schiacciare al volo un alleyup alzato dallo stesso capitano (63-42). E’ il punto esclamativo sulla vittoria santantimese, la Geko al 32’ è a +24 (69-45) e può gestire dando spazio e responsabilità anche ai suoi giovani. La gara scivola via senza sussulti, finisce 81-63.  

IL DOPOGARA DI COACH GANDINI – “Innanzitutto permettetemi di ringraziare tutti quelli che sono venuti a sostenerci oggi, non era scontato dopo la brutta prestazione con Avellino e invece il palazzo era pieno di entusiasmo, segno che i nostri tifosi credono i noi. Abbiamo fatto una buona partita e siamo tornati a giocare la nostra pallacanestro con 17 assist e 4 giocatori in doppia cifra. La classifica? La guarderemo alla fine, l’importante per noi è tornare a proporre il nostro gioco”.

Geko PSA Sant'Antimo - Adriatica Industriale Corato 81-63 (14-11, 27-18, 22-16, 18-18)

Geko PSA Sant'Antimo: Fabio Montanari 19 (8/11, 0/2), Mirko Gloria 14 (7/12, 0/0), Giorgio Sgobba 10 (2/3, 2/7), Andrea Quarisa 10 (4/6, 0/0), Carlo Cantone 8 (1/1, 2/3), Roberto Maggio 7 (2/2, 1/4), Sreten Coralic 6 (0/0, 2/4), Marco Mennella 5 (0/3, 1/6), Flavio Cannavina 2 (1/2, 0/2), Guido Scali 0 (0/2, 0/2), Luca Vergara 0 (0/0, 0/0), Andrea Sabatino 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 11 - Rimbalzi: 45 14 + 31 (Mirko Gloria 13) - Assist: 17 (Carlo Cantone 6)

Adriatica Industriale Corato: Francesco Infante 17 (7/14, 1/1), Lazar Trunic 16 (4/7, 2/8), Mauro Stella 10 (1/3, 1/4), Giorgio Artioli 7 (1/6, 1/2), Salvatore Sgarlato 5 (1/3, 1/1), Efe Idiaru 3 (0/1, 1/2), Daniel Del tedesco alves 3 (1/2, 0/0), Ilia Boev 2 (1/6, 0/0), Giovanni Gambarota 0 (0/1, 0/1), Aleksandar Mrgic 0 (0/1, 0/1), Pasquale Battaglia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 15 - Rimbalzi: 31 8 + 23 (Ilia Boev 11) - Assist: 14 (Mauro Stella 5)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Geko non sbaglia. Battuta nettamente Corato

NapoliToday è in caricamento