menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Napoli Basket che vergogna: in campo la giovanile

In campo vanno ancora i ragazzini di Rieti e arriva il record storico di distacco in un match di Lega A. Dino Meneghin, presidente Fip, alza la voce e dice basta, ma Papalia non molla e la fine del club è ancora tutto un rebus

Non c’è fine alla vergogna che ha colpito con forza la NSB Napoli. Dopo i noti fatti che hanno quasi portato alla prematura scomparsa della squadra e all’allontanamento di tutti i giocatori professionisti, il presidente Gaetano Papalia ha optato per schierare in campo la formazione giovanile di Rieti. L’ennesimo smacco per la piazza di Napoli che a questo punto ha perso qualsiasi legame con la squadra. Una decisione, quella del patron, dettata dalle scarsissime finanze e dall’impossibilità di continuare il campionato con i big.

Mandare in campo l’Under 19 reatina ha avuto ovviamente un effetto deflagrante sulla squadra e su tutto il basket nazionale che ha accolto con sdegno una presa di posizione così forte. Il risultato è stato mortificante, vista la debacle degli azzurrini rimediata a Roma. I partenopei, ancora guidati da Federico Pasquini, data l’impossibilità di tesserare un nuovo coach, sono stati travolti dalla Lottomattica per 138-37. 101 punti di scarto che hanno fatto registrare il record storico di distacco (il precedente risaliva ad un +73)e il primato di punti realizzati in una singola partita da un team (138).

Una situazione paradossale che ha fatto alzare la voce anche ad un tipo di solito tranquillo come Dino Meneghin ,presidente della Federazione Italiana Pallacanestro, che di Papalia non vuole sentirne più parlare e che si augura che questo scempio possa presto terminare. Ma in che modo mettere fine a questo stillicidio? Impossibile allontanare Papalia e Napoli solo perché in campo vanno i giovani; difficile immaginare un ritiro anticipato degli azzurri dal campionato, mantenendo però il titolo sportivo per la prossima LegaDue; possibile, invece, la fine anticipata dell’attività agonistica per motivi economici che potrebbero non più consentire il prosieguo del campionato. Ma l’ultima opzione è stata già scartata da Papalia, che farà di tutto per portare a termine l’annata con il minor esborso possibile di capitali nella speranza di poter giocare il prossimo campionato di LegaDue.

Nel frattempo il numero uno del club di Fuorigrotta sarà chiamato nei prossimi giorni a rispondere dinanzi alla Procura  Federale delle false testimonianze rilasciate in sede Comtec. E intanto Napoli sprofonda sempre più nella vergogna.

LOTTOMATICA ROMA-NAPOLI 138-37

Roma: Giachetti 11, Gigli 18 (14 r.), Jabeer 2, Hutson 4, Tourè 15, Crosariol 36 (16 r.), Di Pasquale 10, Casale 6, Minard 3, D’Alessio 17, Vitali 16 All. Boniciolli

Napoli
: Muurinen 4, Antonelli, Bellini 7, Spippoli 2, Ciavarroni 6, Cattani, Onofri 2, Santocchi 7, Gonnella 5, Giovannelli 4. All. Pasquini
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento