Venerdì, 24 Settembre 2021
Sport

L’Acquachiara supera la Cesport 8-7 nel derby e brinda alla salvezza

I biancoazzurri raggiungono l’obiettivo stagionale con tre giornate di anticipo sulla fine del torneo

In pochi probabilmente ad inizio stagione avrebbero scommesso sulle possibilità di confermare la categoria di un club che appena quattro anni addietro arrivava in finale di Eurocup, ma che era reduce da una retrocessione conseguita con un gruppo di ragazzini delle giovanili che avevano conseguito esperienza, accumulando però sconfitte in serie nel massimo campionato. L’anno zero del nuovo progetto non è stato però impiegato invano e la guida di colui che nella storica finale del secondo trofeo continentale sedeva sulla panchina del Circolo Nautico Posillipo ha amalgamato un gruppo di giovani promesse, integrato da tre giocatori di categoria, e ha reso possibile quella che senza alcun timore si può definire come un’impresa. Una splendida Carpisa Yamamay Acquachiara batte 8-7 a Casoria la Studio Senese Cesport nel derby valevole per la diciannovesima giornata di campionato, l’ottava del girone di ritorno, e centra con tre giornate di anticipo sul termine della regular season del campionato di serie A2 girone Sud, il traguardo della salvezza.

Prima di addentrarci nell’analisi della partita riteniamo doveroso complimentarci con entrambe le formazioni, che per trentadue minuti si sono date battaglia senza minimamente risparmiarsi, decise a conquistare un successo che si sarebbe rivelato fondamentale per le rispettive sorti. Ha prevalso la compagine che ha messo in acqua la maggiore intensità ed è riuscita a difendere con le unghie e con i denti l’unico strappo operato nel corso di una gara che per tre quarti della sua durata ha viaggiato sui binari di un sostanziale equilibrio riallungando prontamente il margine di vantaggio ogni volta che gli avversari riuscivano a riavvicinarsi.

A decidere le sorti del confronto il break di 2-0 operato dalla formazione in calottina scura sul finire del terzo quarto grazie alle reti griffate da Manfredi Iula in superiorità numerica e da Manuel Occhiello. A mettere la parola fine sulle possibilità di rimonta del sette di Iacovelli ha provveduto Lorenzo Briganti che prima, nel momento in cui due delle colonne difensive della sua compagine erano già fuori per aver raggiunto il limite di tre falli gravi, ha recuperato un pallone di capitale importanza in difesa avviando la fulminea ripartenza sfociata nel 7-5 firmato da Ivano Occhiello e ha poi chiuso le ostilità a quarantasei secondi dalla sirena conclusiva scaricando alle spalle dell’incolpevole Turiello un siluro dalla distanza che ha terminato la sua corsa all’angolino.

Impossibile non citare Manuel Rossa che per l’ennesima occasione ha dimostrato di essere un portiere di assoluta affidabilità e che riesce a fare la differenza tanto quanto un attaccante mettendo a referto interventi prodigiosi in serie. Top scorer di giornata l’altra punta di diamante della compagine biancoazzurra Luca Pasca che ha messo a referto tre reti nei primi sedici minuti aprendo le marcature per i suoi e riportandoli in vantaggio all’intervallo lungo. 

Artefice principale della cavalcata acquachiarina Mauro Occhiello, che ha saputo iniziare nel migliore dei modi il suo percorso alla guida del club presieduto da Franco Porzio e ha trasformato un gruppo radicalmente rinnovato rispetto all’annata precedente in una squadra che mostra una precisa identità caratteriale, riesce a gettare il cuore oltre l’ostacolo quando le situazioni lo richiedono e sa esprimere una pallanuoto di ottimo livello nella quale il ritmo elevato, la difesa organizzata e le ripartenze in velocità costituiscono i cardini essenziali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Acquachiara supera la Cesport 8-7 nel derby e brinda alla salvezza

NapoliToday è in caricamento