Giovedì, 23 Settembre 2021
social

Quando a Napoli n'ommo è "cu 'e mustacce"

Decisamente pochi gli uomini cu 'e mustacce: ecco perché

Nel poemetto 'Nparaviso, composto da Ferdinando Russo, San Pietro parlando di Gesù - senza alcuna irriverenza, ma con la massima devozione - dice "Chillo è n'ommo cu 'e mustacce!". L'espressione non è in alcun modo collegata al modo di ritrarre il Cristo dell'iconografia tradizionale, con il volto incorniciato dalla barba e dai baffi.

Baffi e doti virili

A Napoli, al tempo di Ferdinando Russo, dunque agli inizi del secolo scorso, i baffi erano considerati simbolo di elevate qualità morali e capacità etiche.

Uomo con i baffi, quindi, all'ombra del Vesuvio è solo chi merita considerazione e rispetto per le sue capacità e doti etiche.  

Uomini: come depilarsi le zone intime

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando a Napoli n'ommo è "cu 'e mustacce"

NapoliToday è in caricamento