Benedicere cull'acqua 'e pesce. Quando si fa e perché

Da sempre la nostra città è molto attenta ai riti per "catturare" la fortuna. Eccone uno poco conosciuto che si tramanda da secoli di padre in figlio

A Napoli "Benedicere cull'acqua 'e pesce" consente di far "aònna e cresce" la casa.

Secondo un'antichissima tradizione napoletana una casa nuova prima di poter essere abitata va benedetta con l'acqua santa, in modo da ottenere la protezione divina. Chi però non si accontenta di essere protetto ma vuole di più, e desidera catturare la fortuna, allora cospargerà ogni angolo della casa e i muri perimetrali interni con acqua di pesce. Attenzione però, non si tratta dell'acqua di cottura del pesce, ma dell'acqua di mare che da sempre, per la nostra città, costituisce fonte di ricchezza e prosperità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 gennaio (giorno per giorno)

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

Torna su
NapoliToday è in caricamento