social

"Ragazzi da paura": il carcere di Nisida set di un cortometraggio davvero speciale

La regia è del napoletano Maurizio Braucci che nel 2019 ha vinto l’Orso d’Argento al festival di Berlino per la migliore sceneggiatura con la “Paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi.

Il cortometraggio “Ragazzi da paura” è il risultato finale di un laboratorio di sceneggiatura condotto dallo scrittore, regista e sceneggiatore napoletano Maurizio Braucci in collaborazione con Fabrizio Nardi e Luca Caiazzo nel carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento.

Il laboratorio, organizzato dall'associazione CO2 Crisis Opportunity Onlus, ha avuto lo scopo di sollecitare una riflessione critica sul modello maschile, machista e patriarcale che porta molti giovani a commettere reati violenti per cercare di decostruire quel tipo di immaginario. Molti ragazzi definiti “giovani criminali” - spiega infatti la nota di presentazione del film - sono infatti il frutto di un immaginario violento che nasconde profonde problematiche psicologiche e sociali, specie in realtà come quella campana dove la condizione giovanile è troppo spesso difficile e le opportunità sono poche.

Dalla sceneggiatura ideata collettivamente dai giovani detenuti che hanno preso parte al laboratorio è stato quindi tratto un cortometraggio, finanziato dalla Fondazione Altamane e prodotto da Mosaicon Film - Inco-produzione con CO2 Crisis Opportunity Onlus.

Girato nel carcere di Nisida, ha vinto il Premio Transit nel festival Cortonero 2020.

La storia

In un carcere minorile napoletano che si staglia sul mare, durante una sera d’estate, viene improvvisamente a mancare la corrente. Rimasti al buio, due giovani detenuti, mentre discutono da cella a cella sul senso del carcere, avvistano uno spettro. La reazione sembra non essere degna dei trascorsi da criminali che hanno condotto i ragazzi in prigione.

Il regista

Maurizio Braucci, scrittore, regista e sceneggiatore napoletano, ha collaborato con registi come Matteo Garrone, Pietro Marcello e Abel Ferrara vincendo vari premi nazionali e internazionali e ha pubblicato tre romanzi per le case editrici E/O e Mondadori.

Nel 2019 ha vinto l’Orso d’Argento al festival di Berlino per la migliore sceneggiatura per la “Paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi.

Oltre che nel cinema e nella letteratura, è attivo come operatore con i giovani più disagiati e promuove progetti socioculturali per adolescenti. “Un ragazzo è innanzitutto un ragazzo” è il suo secondo cortometraggio, con “Stanza 52” ha partecipato al Festival di Venezia 2016- sezione Orizzonti

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ragazzi da paura": il carcere di Nisida set di un cortometraggio davvero speciale

NapoliToday è in caricamento