Pizza in teglia: cos'è e dove mangiarla

Esterno croccante con un cuore leggerissimo, è il nuovo must-eat in fatto di pizza. A portarla alla perfezione, grazie anche a condimenti straordinari, 2 fratelli partenopei

Federico e Francesco De Maria amano definirsi "pizzaioli da zero generazioni". Giovanissimi, mentre facevano tutt’altro nella vita, iniziano infatti ad avvicinarsi al mondo del food: Federico, in particolare, per curiosità personale comincia a studiare impasti, farine e procedimenti della panificazione e della pizza napoletana e arriva a lavorare di notte e gratis pur di apprendere di più, Francesco invece si appassiona ai vini a 360° e segue i corsi di sommelier con l’AIS Comuni Vesuviani.

La rivelazione

Federico viene a sapere che a Roma c'è un corso specifico, tenuto da Gabriele Bonci, titolare del celeberrimo Pizzarium è vera e propria star della pizza. Si iscrive, inizia a studiare e un po’ alla volta diventa amico di Bonci che lo porta a visitare le sue attività e gli disvela un universo. Federico si appassiona alla panificazione a lunga maturazione e dopo un po’ inizia a produrre i bun per hamburger a lievitazione naturale di 24 ore che ancora oggi prepara per Gigione. Su consiglio di Bonci, frequenta quindi l’API (Associazione Pizzerie Italiane) di Angelo Iezzi, tra i grandi maestri della panificazione romana di qualità, con cui approfondisce la conoscenza dell’arte bianca. E prosegue ad approfondire sulle orme di Massimo Bosco, Ezio Marinato, Giuliano Pediconi, Davide Longoni, Simone Padoan, Piergiorgio Giorilli, Cristian Zaghini, Luca Pezzetta e Pino Arletto.

I Vesuviani

Federico e Francesco nel 2017 decidono quindi di fare il gran salto e, non senza sacrifici, nel luglio 2018 aprono a Castello di Cisterna, esattamente al confine di Pomigliano D’Arcola pizzeria I Vesuviani. dove offrono, assieme alla pizza tradizionale (realizzata con impasti eccelsi), pizz'in teglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La pizza in teglia

Lunga lievitazione e cottura, appunto, in teglia, "Pizza in teglia" è decisamente diversa dalla pizza tradizionale napoletana ma capace di conquistare fin dal primo morso anche i palati più esigenti: l'esterno è croccante e fragrante, l'interno una nuvola leggerissima, in un equilibrio straordinario che la rende tanto buona quanto intrigante.

A rendere irresistibilmente seducente la pizza in teglia, in uno con l'impasto di base, sono anche i condimenti, selezionati tra il meglio dei prodotti disponibili e abbinati in maniera sorprendete: gamberi di Mazzara del Vallo, burrata di Andria, San Marzano Dop, mortadella di Andria, pistacchi di Bronte, olio Evo selezionatissimo e così via.

Per un'esperienza full immersive, c'è l'originale accompagnamento di bollicine suggerito da Francesco per ogni tipologia di pizza: a partire dallo spumante di Falanghina per le entrée in un crescendo che arriva alla birra champagnata artigianale.

Ovviamente tutto nel massimo rispetto delle norme anti-covid

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento