rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
social

Mozzarella: cos'è la "nouvelle caprese"lanciata dallo chef stella della Tv francese

Cachi sotto aceto tra gli ingredienti abbinati alla mozzarella di bufala campana Dop

I francesi amano la mozzarella, rigorosamente di bufala campana, Dop. Circa 7 francesi su 10, infatti, la mangiano almeno una volta l'anno. Il 70% dei francesi consuma mozzarella almeno una volta l’anno e il 12% la consuma una volta a settimana. Grandissima quindi l'attenzione al Sial di Parigi - tra le più importanti fiere internazionali dedicate all'agroalimentare, in programma fino al 19 ottobre - per il padiglione dove il Consorzio di tutela della Bufala Campana Dop si presentava in collettiva con quelli di Asiago, Gorgonzola, Grana Padano e Taleggio, sotto le insegne di Afidop, l’associazione dei formaggi Dop italiani. E' qui, tra i vari tasting, show cooking e masterclass per far conoscere da vicino e apprezzare pienamente la mozzarella di bufala Dop, che sarà presentata ufficialmente (il 16 e 17 ottobre) la "Nouvelle Caprese". Se riuscirà a scalzare la caprese tradizionale, potremo saperlo solo in futuro. Nel frattempo lo chef che l'ha messa a punto, l'italo-francese Danny Imbroisi, alla guida di diversi ristoranti a Parigi e nel sud del Paese, oltre che divulgatore televisivo e scrittore, ne ha rivelati gli ingredienti.

Gli ingredienti della Nouvelle Caprese

La “Nouvelle Caprese” è dichiaratamente una rivisitazione dell'iconico piatto tradizionale. La versione dello chef Danny Imbroisi prevede

  • Mozzarella di Bufala Campana Dop,
  • succo di pomodoro,
  • aceto balsamico di ciliegia,
  • olive taggiasche
  • cachi sott’aceto.

Mozzarella Campana da record in Francia

La Francia è il primo Paese per l’export della Bufala Campana con una quota del 33,7% delle esportazioni totali di mozzarelle, che nel 2021 hanno sfiorato i 20 milioni di chili. E proprio nel 2021 le vendite di mozzarelle hanno superato per la prima volta nella storia quelle del camembert. 

Sono numeri che ci incoraggiano ad andare avanti puntando sulla qualità e sul miglioramento della logistica. Dobbiamo essere ancora più veloci e pronti a soddisfare la voglia di bufala campana che c’è oltralpe e in tutta Europa, nonostante le forti difficoltà determinate dall’incremento dei costi energetici, che rischiano di vanificare il nostro impegno”, commenta Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mozzarella: cos'è la "nouvelle caprese"lanciata dallo chef stella della Tv francese

NapoliToday è in caricamento