"Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

La storia ricostruita da Giulio Caizzi, arguto ed erudito conoscitore di cose napoletane

Cosa c'entrano le matite con i nervi che saltano lo sanno solo i napoletani.

Giulio Caizzi, vasto conoscitore di usi e costumi di Napoli scomparso ormai da tempo, raccontava in un saggio del secolo scorso che le prime matite o "lapis" diffuse all'ombra del Vesuvio avevano un rivestimento di vernice con un disegno fatto di quadrettini talmente piccoli e numerosi da mandare letteralmente in tilt chiunque cercasse di guardarli o contarli, magari per capire quanta matita fosse stata consumata scrivendo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla matita (lapis > lappese) e dai quadrettini (quadriglie) l'espressione "tengo 'e lappese a quadriglie" per dire che si è frastornati o, più esattamente, nervosissimi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento