Misteri di Napoli: le 42 mummie aragonesi

Sono ben 42 e si trovano in sarcofagi custoditi nella chiesa di San Domenico Maggiore. Tra loro 10 tra re, regine e principi

Tra i mille tesori del centro storico di Napoli,  dove si incontrano culture e culti, tradizioni e misteri, ci sono anche 42 mummie. Una serie che gli studiosi definiscono senza esitazioni "unica in Italia non solo per l'antichità e per lo stato di conservazione dei corpi, ma an­che e soprattutto perché si tratta di personaggi storici, di cui si co­nosce dettagliatamente la vita e la causa di morte". 

Realizzate in pieno rinascimento aragonese,  sono state infatti accuratamente studiate dagli anatomopatologi nel secolo scorso: vestiti, armi, gioielli e malattie hanno fornito indicazioni preziose per la comprensione di quel momento storico. Una ventina i big identificati con certezza tra cui i re Alfonso I, Ferrante I e Ferrante II, la regina Giovanna IV, il cardinale di Cosenza Flavio Orsini. Tra le 42 mummie aragonesi c'è anche un  bambino: è il duca di Montalto, morto a soli 12 anni.   

Le mummie sono riposte in sarcofagi di legno,  in alcuni casi riportanti epigrafi e incisioni, custoditi dagli inizi del 1700 sopra la tribuna lignea nella sacrestia moumentale della chiesa di San Domenico Maggiore, da sempre luogo mistico e fascinoso. Le casse, in origine, erano sparse nella chiesa: a volerle sistemare nella sacrestia fu, nel 1594, il re Filippo II di Spagna.

Solo 35 delle 42 mummie ritrovate, però, secondo gli esperti, sono state realizzate artificialmente, e con una tecnica di conservazione molto complessa, di sicura derivazione alessandrina (in passato, infatti, gli egizi furono a lungo molto attivi nella nostra città e assai diffusi erano i loro culti). Sono 7 invece i casi di "mummificazione naturale", probabilmente dovuta alle particolari condizioni batteriologiche e climatiche della chiesa 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Pino Grazioli positivo al Covid, Borrelli: "Forza Pino tieni duro"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento