social

"Fa tre fiche nove rotole": quando a Napoli si dice così

Il modo di dire napoletano

Tre fiche nove rotole è il titolo di una "rivista musicale" di Rambaldo, alias Rocco Galdieri (1877 - 1923), tra i più apprezzati autori dialettali del secolo scorso. L'opera ebbe uno straordinario successo di pubblico: messa in scena al Teatro Nuovo, le repliche furono centinaia e sempre applauditissime.

Un rotolo, al plurale "rotole", è un'antica unità di peso, equivalente a 36 once, pari a 900 grammi. 1 rotolo indica dunque una quantità inferiore ad 1kg. "Fa tre fiche nove rotole" significa perciò attribuire a 3 semplici frutti il valore di circa 3kg di prodotto, ovvero pretendere una contropartita esageratamente spropositata. Fino a non troppi anni fa, si poteva sentire usare l'espressione nel foro di Napoli, in occasione di liti per il risarcimento di danni o il riconoscimento di indennizzi per differenze di valore, ma anche al mercato di Porta Capuana, durante qualche vivace contrattazione sul prezzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fa tre fiche nove rotole": quando a Napoli si dice così

NapoliToday è in caricamento