Come verificare se una spiaggia è pulita: la check list UE

La Commissione Ue pubblica i valori che definiscono una spiaggia "pulita". Ecco come verificare

Come si fa a definire "pulito" un arenile? Se l'è chiesto anche la Commissione europea che, alla fine, ha stilato e pubblicato i valori soglia o "target" per valutare le condizioni di spiagge e litorali.

Il rating

Verificare è davvero semplice, alla portata dei bambini che frequentano la scuola primaria, perché è sufficiente saper contare fino a 20: la Commissione europea spiega infatti  che coste e arenili possono essere definiti puliti se ogni 100 metri lineari ci sono meno di 20 rifiuti.  E, decisamente, le dimensioni non contano: per rifiuto - spiega la Commissione Ue - deve intendersi ogni oggetto sulla sabbia di lunghezza superiore a 2,5 centimetri. Significa, chiarisce sempre la Commissione, che ai fini del conteggio devono essere considerati rifiuti piccoli oggetti come filtri di sigarette fino a residui di involucri di plastica, corde e reti.

La Campania

Le cose da noi non vanno molto bene. In base agli ultimi dati di Legambiente, infatti, ogni 100 metri lineari di costa si trova una media di oltre 810 rifiuti: siamo ben 8 volte al di sopra del limite stabilito dalla Commissione Ue! Tra i rifiuti che si incontrano più spesso, oltre alle cicche di sigaretta, contenitori per bibite e alimenti e, da quando è iniziata l'era-Covid - anche mascherine e guanti monouso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Coronavirus, arriva l'annuncio: "La Campania è zona arancione"

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Campania zona arancione: ecco cosa si può fare

Torna su
NapoliToday è in caricamento