rotate-mobile
social

Storia di Salvatore: studente universitario modello, brillante musicista, autistico

Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo 2022: dal Policlinico della Federico II la storia di Salvatore, tra arte e musica oltre l’autismo e i pregiudizi

"Non è semplice essere genitore di un ragazzo autistico. Le sfide di ogni giorno sono tante, le difficoltà da affrontare e la paura di non essere all’altezza. Da questo punto di vista credo che Salvatore ci abbia dato una grande lezione, e continua ad insegnarci tanto ogni giorno" dicono Lucia e Raffaele, due genitori che non hanno mai mollato davanti alle difficoltà della malattia diagnosticata a loro figlio Salvatore quando aveva appena 18 mesi: disturbo dello spettro autistico rientrante, sul piano clinico-diagnostico, nei cosiddetti casi “ad alto funzionamento”. Dal canto suo Salvatore, 21 anni il prossimo giugno, ci mette la faccia per testimoniare che l'autismo non è un ostacolo ai sogni: iscritto all’Università di Fisciano di Discipline delle arti visive, della musica e dello spettacolo, martedì scorso ha preso 30 al suo secondo esame. Non sa ancora cosa vorrà fare dopo l’università, ma ha le idee ben chiare sulla possibilità di continuare sempre a coltivare le sue passioni, senza mai farsi frenare dagli ostacoli della vita.

L'importanza della rete

"Il giorno della diagnosi non è stato semplice - raccontano i genitori di Salvatore - ma abbiamo trovato una seconda famiglia pronta ad accoglierci e a guidarci. La professoressa Bravaccio ci ha incoraggiati a iniziare subito le terapie e poi, negli anni, a non demordere e a scegliere per Salvatore i percorsi più giusti. Le soddisfazioni che sono arrivate negli anni le condividiamo con tutti loro". E la prof.ssa Bravaccio, responsabile dell’Uosd di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Federico II, ricorda il primo incontro con quel bimbo diventato oggi un uomo: "Con la famiglia abbiamo vissuto la sua crescita, affrontato i momenti più difficili e complessi. Oggi Salvatore è avviato sulla sua strada, con la sua indipendenza, anche se la rete di supporto e sostegno che ha consentito a lui e alla famiglia di ritrovarsi in una prospettiva di possibile autonomia sarà sempre indispensabile",  come indispensabile è il lavoro portato a compimento tutti i giorni dall’Uosd di Neuropsichiatria Infantile della Federico II di Napoli che lavora su attività di ricovero (ordinari, urgenti e di DH) e ambulatoriali.

L'autismo

A partire dal 2013, con la pubblicazione del Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali giunto alla quinta edizione (Dsm-5, American Psychiatric Association 2013), il concetto di “autismo” si è allargato, abbracciando in un unico concetto di “spettro”, tutte le forme di alterazione precoce di tipo qualitativo e quantitativo che riguardano lo sviluppo di funzioni di comunicazione, interazione ed interessi di un bambino. In regione Campania, con Delibera della Giunta Regionale n. 131 del 31/03/2021, è stato approvato il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (Pdta) per la presa in carico globale ed integrata dei soggetti con disturbi dello spettro autistico in età evolutiva. Con il Pdta vengono definite le modalità e gli attori responsabili della diagnosi precoce di Disturbo dello spettro autistico; le modalità di presa in carico globale ed integrata con definizione della composizione della equipe multidisciplinare ed il relativo ruolo; le modalità di un corretto processo diagnostico; i programmi di intervento e le tipologie di trattamenti.

L'Uosd di Neuropsichiatria infantile della Federico II

Al Policlinico federiciano, a disposizione dell’utenza, vi è sia un ambulatorio generale sia diversi ambulatori specialistici, di cui due dedicati ai Disturbi dello Spettro Autistico (uno per la fascia di età 0-3 anni).

Presso l’unità, dunque, ad essere prevalentemente accolti sono pazienti complessi, che presentano perlopiù condizioni psico-fisiche critiche o più condizioni di comorbidità che necessitano di ospedalizzazione per accedere a cure e trattamenti spesso di natura farmacologica, o pazienti in prima diagnosi che presentano condizioni associate quali l’epilessia o altre condizioni che pertanto necessitano di un inquadramento clinico-strumentale più articolato.

EQUIPE NPIA_DEF-2

L'Uosd di Neuropsichiatria Infantile della Federico II fa parte del Network Italiano per il Riconoscimento Precoce dei Disturbi dello Spettro Autistico (NIDA), una rete di collaborazione clinica e di ricerca finalizzata all'identificazione precoce di bambini con disturbi del neurosviluppo e, in particolare, con disturbo dello spettro autistico (ASD), coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità.

Il Network NIDA è composto da Centri di ricerca e Istituti Clinici di alta e altissima specializzazione attivi su tutto il territorio nazionale ed il nostro centro è deputato al coordinamento dei centri diffusi sul territorio regionale e al monitoraggio dei soggetti a rischio (fratelli di soggetti con ASD, prematuri, piccoli per età gestazionale).

In quanto centro universitario, presso l’unità sono attivi progetti di ricerca scientifica, con collaborazioni nazionali ed internazionali, compresi studi di fase 2 e di fase 3, sull’eziopatogenesi e il trattamento dei Disturbi dello Spettro Autistico.

Proprio per valorizzare progetti di inclusione, la Neuropsichiatra Infantile collabora con associazioni del mondo dello sport e di avviamento al lavoro, per costruire intorno ai ragazzi reti solidali di supporto sociale e anche professionale, con l’obiettivo di migliorare l’autonomia e le relazioni con gli altri.

"La storia di Salvatore ci ricorda sempre quanto sia importante il lavoro che svolgiamo nel fare in modo che le famiglie possano avere una diagnosi precoce e un’assistenza di qualità lungo tutto il percorso di crescita -  commenta il direttore generale Anna Iervolino - Anche questa è una missione che perseguiamo nella consapevolezza di essere un punto di riferimento imprescindibile. Il nostro Policlinico, con la UOSD di Neuropsichiatria Infantile, non a caso è stato individuato come centro di III livello, con il compito di provvedere ad approfondimenti a scopo diagnostico nei casi di diagnosi dubbia o nei casi più difficili".

Per la giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo la pediatria del Policlinico Federico II di Napoli sarà illuminata di blu, colore simbolo dell’iniziativa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storia di Salvatore: studente universitario modello, brillante musicista, autistico

NapoliToday è in caricamento