Matrimoni, le coppie potranno togliere le mascherine sull'altare: torna il bacio dopo il sì

Cade l'obbligo per gli sposi di indossare la mascherina sull'altare. A dirlo il Viminale in risposta ad una domanda della Conferenza Episcopale Italiana

Per promessi sposi e operatori del wedding, dopo tante settimane buie e non poche proteste, arriva finalmente una buona notizia: le coppie sull’altare non sono più obbligate ad indossare la mascherina.  Adirlo è il Ministero dell'Interno, in risposta ad una specifica interrogazione posta dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Gli sposini dunque potranno tornare a baciarsi dopo il fatidico sì.

L’obbligo di indossare il dispositivo resta invece per il celebrante, che dovrà anche mantenere la distanza di sicurezza anti-contagio di almeno un metro dagli sposi. Il sacerdote, però, potrà fare a meno di mettere guanti monouso al momento di distribuire la comunione - a partire proprio da oggi -  ma il Comitato Tecnico Scientifico raccomanda la scrupolosa detersione delle mani con soluzioni idroalcoliche.

"Non potendo certamente essere considerati estranei tra loro, i coniugi possano evitare di indossare le mascherine, con l'accortezza che l'officiante mantenga l'uso del dispositivo di protezione delle vie respiratorie e rispetti il distanziamento fisico di almeno 1 metro", scrive infatti il Comitato tecnico scientifico del Viminale, come riportaTgcom 24, aggiungendo che la “raccomandazione” può estendersi anche ai riti delle altre confessioni religiose e ai matrimoni civili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se sull'altare gli sposi potranno respirare e baciarsi, il dpi andrà però indossato nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e in tutte le occasioni dove non è possibile garantire il rispetto della distanza di sicurezza. Per essere sempre al top e molto glam, anche indossando la mascherina, a Napoli comunque non mancano le opportunità per gli sposi come per gli invitati: Medea spose è stata tra le prime, ad esempio, a lanciare una linea molto fascinosa per la sposa, in pizzo e perfettamente abbinata all’abito.  Letteralmente a ruba i modelli in seta pura di SatrianoCinque, sartoria specializzata in abiti da cerimonia per donna, ovviamente da abbinare all'abito o alla capsule. All’uomo, tra gli altri, hanno invece pensato Vittoria, tempio della camiceria sartoriale a ridosso di via Toledo, con modelli rivestiti in cotone leggerissimo, traspirante e abbinabile alla camicia, e il re dell’eleganza maschile made in Naples, Maurizio Marinella, con mascherine a pandant con le cravatte viste già addosso a vip del mondo dell’imprenditoria e delle professioni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento