"Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

Céuza in napoletano è il gelso, in passato per nulla apprezzato, tanto che...

La céuza in dialetto napoletano è il frutto del gelso, un tempo ritenuto di scarso valore perché poco dolce e per niente saporoso. Il termine, quindi, metaforicamente finì per indicare chi non conta nulla e le persone insulse ed insignificanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo alcune cronache, anche il Re Ferdinando IV di Borbone, che amava moltissimo il napoletano, durante un pranzo a Corte, rispose "ceuza" ad un colonnello russo che per cercare di fare bella figura aveva proposto un brindisi. Ovviamente risero tutti i cortigiani ed anche i servitori, mentre il povero militare non riuscì a capire né a replicare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento