rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
social

Una mostra fotografica per ricordare grandi e piccoli atti di eroismo de e' cape 'e fierro a Napoli, durante la II Guerra Mondiale

Foto storiche e testi curati dall'ing. Michele La Veglia, tra i maggiori esperti di storia dei Vigili del Fuoco

“Le bombe sulle Chiese di Napoli e altre storie per immagini (1906-1944)” è il titolo della mostra fotografica che attraverso rare e suggestive immagini dell'epoca racconta i giorni delle “cape ‘e fierro”, i pompieri napoletani, durante i giorni della II Guerra Mondiale, ripercorrendo gli 80 anni trascorsi da quel terribile 1943. L'esposizione sarà inaugurata presso l’Arciconfraternita del SS. Crocifisso, in via Tribunali, sotto la Chiesa di San Paolo Maggiore, questo mercoledì 22 marzo, alle 17.00.

Con la collaborazione di Rosario Martusciello, consigliere nazionale dell’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco, con le immagini potranno essere ammirati anche i cimeli della Collezione “Gianmaria Lembo”, tra cui preziose cartoline originali dell’eruzione del Vesuvio del 1906, delle crocerossine e dei Treni Ospedali della Grande Guerra e degli anni tra le due Guerre.

Foto Archivio Storico VVF Napoli

"L'esposizione vuole esser un tributo a quei napoletani, che non ci sono più, e ai napoletani che hanno tratto da quella immane tragedia la forza di ricominciare. A loro dobbiamo un grande GRAZIE - spiega Michele La Veglia, ingegnere ed esperto di Storia dei Pompieri, che ha coordinato i testi a corredo della mostra - E un pensiero particolare va ai i miei colleghi Vigili del Fuoco del tempo, in quanto pochi conoscono il ruolo che ebbero in Italia in quegli anni, e l’impegno a Napoli in particolare. Con questa mostra abbiamo voluto raccontare i soccorsi effettuati nelle città negli anni della Seconda Guerra Mondiale”.

Napoli durante la seconda guerra mondiale  - spiega La Veglia - fu la città italiana che subì il numero maggiore di bombardamenti, con circa 200 raid aerei dal 1940 al 1944, principalmente da parte alleata, di cui ben 181 soltanto nel 1943. I Vigili effettuarono migliaia di interventi, spesso sotto il lancio incessante delle bombe e il tiro delle mitragliatrici, senza curarsi del rischio che correvano e cadendo loro stessi vittime degli ordigni e dei crolli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una mostra fotografica per ricordare grandi e piccoli atti di eroismo de e' cape 'e fierro a Napoli, durante la II Guerra Mondiale

NapoliToday è in caricamento