Mercoledì, 28 Luglio 2021
social Lungomare Cristoforo Colombo, 23

I nuovi tour enogastronomici del Grand Hotel Punta Molino: all'insegna della tradizione più autentica e meno conosciuta

Firmati dallo chef Alfonso Arcamone prevedono piatti freschi, leggeri e ricchi di sapore, preparati con i migliori prodotti del territorio

Foto Grand Hotel Punta Molino

Ad un mese circa dalla riapertura il Grand Hotel Punta Molino di Ischia, meta d'elezione di vip italiani e stranieri, presenta la sua nuova offerta gastronomica che punta sulla tradizione rivisitata. Lo chef Alfonso Arcamone con il suo secondo Giovanni Fiorentino, Mario Ossani Responsabile acquisti, Ciro Iacono Event Manager, Salvatore Di Meglio metre, coadiuvata dal direttore Fulvio Gaglione, ha trascorso l’intero inverno a studiare i nuovi menù e l'abbinamento perfetto con i vini delle Cantine Cenatiempo per i richiestissimi tour enogastronomici.

I tour enogastronomici

La scelta è caduta su piatti freschi, leggeri e ricchi di sapore, preparati con i prodotti del territorio, all'insegna della tradizione più autentica ma meno conosciuta. Ovviamente rivisitati nell'inconfondibile stile dello chef Arcamone. Ecco così il "pizzicotto del Molino" con ricotta di bufala e timo limonicino, accompagnato da una tartare di gambero rosso all’acqua di burrata, o la triglia di paranza in cartoccio di fiori di zucca su cremoso di cicoria al mosto cotto e maionese di datterino giallo.

Tra i dolci, preparati dal pasticcere Santo Di Marco, spicca il "migliaccio ischitano" al profumo di cannella e scorzetta di lime preparato con gli spaghetti della Fabbrica di Gragnano di Antonino Moccia che si affianca al “rangiobabá” al Grand Marnier, omaggio al ristorante O’ Rangio Fellone e alla dolcevita ischitana, che costituisce il dessert più richiesto dai clienti sia locali che stranieri.

Prusurella

Estate è anche voglia di cocktail sorprendenti, colorati e allegri. Il bartender Ciro Iacono sulle terrazze mozzafiato del G.H. Punta Molino prepara  “prusurella”, preparato con erbe aromatiche, come facevano un tempo le nonne ischitane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I nuovi tour enogastronomici del Grand Hotel Punta Molino: all'insegna della tradizione più autentica e meno conosciuta

NapoliToday è in caricamento