Le migliori graffe farcite. Dove trovarle

Forme e farciture inedite per questo dolce tipico che a Napoli si prepara fin dal '700

Le graffe per i napoletani non sono un dolce, ma una religione: devono rigorosamente essere appena fritte, caldissime, profumate e morbide. Parente stretto della zeppola fritta, questo dolce - che nella nostra città si prepara fin dal ‘700 - ha origini austriache. Termine e ricetta, infatti, derivano indiscutibilmente dai krapfen austriaci, una sorta di bignè fritti, farciti di confettura e spolverizzati di zucchero. A Napoli, però, si sa, quando si tratta di cibo ci piace abbondare e personalizzare: ecco quindi le dimensioni decisamente più generose dei piccoli krapfen, la forma ad elle, l’aggiunta nell’impasto di patate lesse e schiacciate per conferire ancora più morbidezza. A quanto pare, però, per il palato dei napoletani non era abbastanza, visto che da qualche tempo i pasticcieri hanno iniziato a rivisitare la graffa con forme e farciture inedite. Ecco dove trovare la Napoli le "migliori graffe rivisitate":

Ciro a Mergellina: Il numero uno delle graffe a Napoli è e resta Ciro a Mergellina. Il profumo della sua graffa è addirittura anche più forte di quello del mare e decisamente irresistibile, in qualsiasi momento della giornata. Geniale il cono graffa, da mangiare rigorosamente appena fritto, con ripieno di gelato e top (Chalet Ciro a Mergellina, via Caracciolo)

Magn Magn: è il must delle graffe "da passeggio", con le sue palline di graffa con top di Nutella e Galak (Magn Magn, via Mario Fiore, 43)

Parentesi Graffe: già da tempo propone graffe a forma di numero, maxi, e graffacake. (Parentesi Graffe, via Conte di Ruvo 7)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grafferia Bernini di Casa Infante: ha aperto da poco più di una settimana, ma è già un riferimento per chi non si accontenta. La graffa la propone infatti in formato maxi con farcitura personalizzabile, declinata in decine di varianti (e molte altre in fase di sperimentazione) come il top di finitura:  Crema Oreo con tanto di pezzetti dei famosi biscotti, crema di pistacchio con granella a pandan, frutti di bosco, crema e amarena, diversi tipi di crema di cioccolato e chi più ne ha più ne metta (Grafferia, via Bernini 43) .  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento