social

Il video del noto pizzaiolo napoletano fa il giro del web, Forgione: "Porti rispetto per la città"

Lo scrittore napoletano sul video che sta circolando sui social del noto maestro pizzaiolo Giuseppe Vesi che ha sollevato tantissime polemiche: "Paragonare due città è scorretto, ingeneroso, squallido"

Giuseppe Vesi

Un video in cui il noto maestro pizzaiolo napoletano Giuseppe Vesi spiega quelle che, a suo parere, sarebbero le differenze tra Napoli e Milano, dove si potrebbe camminare indisturbati con il Rolex in auto, sta facendo il giro del web nelle ultime ore, suscitando numerose polemiche. 

Sulla polemica è intervenuto il noto scrittore napoletano Angelo Forgione, che ha commentato il video sui social: "Non so quando sia stata registrata questa storia dal pizzaiuolo Giuseppe Vesi, che in tanti mi avete segnalato. Certamente dopo i continui furti con scasso subiti nella sua pizzeria di Milano, con suo profondo disappunto espresso lo scorso ottobre. Chiedere sicurezza è legittimo e giusto ma paragonare due città è scorretto, ingeneroso, squallido. Ma a prescindere dai furti con destrezza che pure avvengono a Milano, che non è certo il regno della sicurezza per statistiche nazionali ma tutt'altro, lo sprovveduto Vesi, invece di ostentare volgarmente il Rolex e la Maserati per farci capire che ormai ha fatto fortuna, dovrebbe portare più rispetto per la città che l'ha reso testimone di un antico mestiere sopravvissuto alla modernità e che oggi è patrimonio immateriale dell'Unesco. Se oggi è imprenditore del food anche a Milano, se porta il Rolex e guida la Maserati, è perché, da napoletano, ha fatto fortuna economica a Napoli, con i soldi dei napoletani. Ecco perché non gusterò più una sua pizza e non contribuirò a farlo crescere ulteriormente. Se il suo modo di essere testimonial di Napoli è questo, lui non mi rappresenta affatto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il video del noto pizzaiolo napoletano fa il giro del web, Forgione: "Porti rispetto per la città"

NapoliToday è in caricamento