rotate-mobile

Da Napoli una campagna per la disconnessione. Cos'è e a cosa serve

13 artisti impegnati in una staffetta sui social, incontri e workshop

Presentata a Palazzo San Giacomo la Giornata della Disconnessione, iniziativa fortemente voluta da Luca Trapanese e Massimo Cilenti, rispettivamente assessore comunale le Politiche sociali e presidente della relativa commissione.

Sconnessi, connessi, e riconnessi

In calendario questo mercoledì, 15 marzo, la giornata è pensata per dialogare con gli adolescenti - ma non solo - per invitarli a connettersi innanzitutto con se stessi, oltre che ai social. I dati a disposizione degli esperti - rilevano infatti gli organizzatori - evidenziano un fenomeno agghiacciante:il tempo trascorso sui social, dietro a tablet, smartphone e pc occupa praticamente il 42% della giornata. Considerato il tempo necessario per dormire, la vita fuori dagli schermi risulta azzerata, con conseguenze gravi sulla sfera emotiva, relazionale e sociale.

I 13 testimonial 

Per richiamare l'attenzione sulla questione, la Giornata della disconnessione prevede workshop, incontri e per diffondere il messaggio tra i beniamini dei teens sono stati scelti 13 testimonial. In rigoroso ordine alfabetico per cognomi, Silvia Aura, Renato Biancardi, Roberto Colella, Vincenzo Comunale, Gabriele Esposito, Gaié, Samurai J, Jeylillo, Valerio Jovine, Sara Penelope Robin, Dario Sansone, Nicola Siciliano, coordinati da Massimo Jovine che saranno impegnati in una staffetta mediatica proprio sui social per consegnare capillarmente il messaggio che invita a non ridurre tutto a realtà virtuale e ai connettersi alla vita e alle persone vere.

In Sala Giunta ci sarà inoltre un incontro con Trapanese, Cilenti, la psicologa Loredana Borrelli, lo scrittore Alessio Carciofi (autore del libro Digital Detox), e alcuni degli artisti testimonial per discutere di

  • iperconnessione e qualità del sonno “Disconnettiti e dormi meglio”;
  • iperconnessione e rendimento scolastico/difficoltà di concentrazione, memoria e attenzione “Disconnettiti e migliora il tuo rendimento scolastico”;
  • iperconessione e qualità delle relazioni sociali “Disconnettiti ed esci!/incontra i tuoi amici/vai a trovare i nonni”;
  • iperconnessione e ansia “Cosa faresti un giorno senza smartphone?”;
  • iperconnessione e comunicazione “Disconnettiti e guarda negli occhi il tuo interlocutore”;
  • iperconnessione e bullismo “Disconnettiti e aiuta un compagno”;
  • iperconnessione e relazioni “Disconnettiti e accetta te stesso”.

La grafica dell'evento è stata realizzata dall’Accademia di Belle Arti di Napoli che ha aderito all'iniziativa

Video popolari

NapoliToday è in caricamento