rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
social

Le fiere a Napoli: cosa succederà a settembre

Vertice per discutere del destino delle location comunali, dalla Mostra d'Oltremare a Castel dell'Ovo

Vertice a Palazzo San Giacomo, fortemente voluto dal sindaco Gaetano Manfredi e dall’assessore alle Attività produttive e Turismo Teresa Armato, tra Mostra d’Oltremare e Fiere associate, l’associazione che raggruppa gran parte degli organizzatori fieristici professionali di Napoli e della Campania, con la partecipazione tra gli altri dei vertici di Comicon, Baratto, Vebo, Aestetica, EnergyMed, TuttoPizza, TuttoHotel e Vitigno Italia.

Nel corso dell'incontro l’assessore Armato ha sottolineato la volontà dell’amministrazione comunale di rilanciare la vocazione fieristica della Mostra d’Oltremare: "Alcuni eventi del nostro calendario fieristico sono ai vertici del ranking fieristico nazionale e attraggono espositori e visitatori anche dall’estero. Su questi, e su altri appuntamenti fieristici, il Comune di Napoli intende puntare e per questo stiamo lavorando in sinergia con la Mostra d’Oltremare per far crescere le fiere ed i congressi alla Mostra, ben consci dell’apporto che questi settori recano alle attività produttive ed al turismo di NapoliCrediamo nel rilancio della Mostra d’Oltremare", ha detto Armato.

I tavoli

“Lavoreremo assieme a Fiere Associate per ottenere quanto prima l’attuazione della Legge regionale sulle fiere - dichiara quindi  il presidente di Mostra d'Oltremare Remo Minopoli - Avvieremo da settembre tavoli operativi per partnership concrete su servizi, forniture e sponsor al fine di dare maggiore valore al comparto”. 

Da settembre avvieremo confronti serrati per portare a breve termine risultati concreti per la migliore programmazione fieristica per il biennio 2023-2024 - commenta Luciano Paulillo di Fiere Associate -  Dopo 2 anni di Covid, iniziamo a vedere un nuovo corso. Speriamo che anche la Regione Campania e la Camera di Commercio vogliano sostenere le fiere e le esposizioni che da anni gestiamo e che annualmente rinnoviamo con sempre maggiore qualità. Auspichiamo che anche per le altre location comunali, e in particolare per Castel dell’Ovo, il Comune vorrà esprimere la stessa determinazione per agevolare il lavoro di nostri colleghi che realizzano il quella splendida location fiere ed eventi di eccellenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le fiere a Napoli: cosa succederà a settembre

NapoliToday è in caricamento