menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"A socra i' nun 'a vulesse manco e' zuccaro"

Il modo di dire è unisex, ma per lo più è utilizzato dalle ragazze che stanno per sposarsi

L'antagonismo tra nuora e suocera da sempre produce motti di spirito, batture, scherzi. A Napoli, tra i modi di dire più frequenti che è ancora possibile ascoltare nei quartieri dove l'utilizzo della nostra lingua resta in uso, c'è questo:  "A socra i' nun 'a vulesse manco è zuccaro" che tradotto letteralmente significa "io la suocera non la vorrei neanche se fosse fatta di zucchero", perché - indipendentemente dal fatto che si sia fidanzate o mogli - fidarsi è bene, infatti, ma quando si tratta di suocere è sempre meglio stare attenti. Anche la più dolce, infatti,alla fine, può rivelarsi una formidabile avversaria

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Morte Ylenia Lombardo, ipotesi omicidio: fermato un uomo

  • Politica

    De Magistris: "Whirlpool e comuni in difficoltà economica, il Governo risponda"

  • Cronaca

    Mario Cerciello Rega, la sentenza: ergastolo per i due americani

  • Cronaca

    Lutto nel noto liceo: il prof. D'Auria ucciso da un brutto male

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento