rotate-mobile

A Palazzo San Teodoro un dialogo tra architettura e i migliori vini rossi d’Italia

Una serata dedicata alle etichette rosse presenti nella guida Vini d'Italia 2023 di Gambero Rosso che ha organizzato la degustazione che come suo tratto distintivo porta l'enologia nei luoghi d'arte della città

Un dialogo tra il Merlot e il Lacryma Christi, mentre il Taurasi e un Etna si confrontano con il Pinot nero. Quest’immagine, se vogliamo un po' fantasiosa nella mente è la sintesi migliore per Red Wines il nuovo format per degustare le etichette rosse italiane presenti nella guida Vini d'Italia 2023 Gambero Rosso che si è svolto a Palazzo San Teodoro.

Una degustazione per i wine lover e per i semplici amanti del bere bene, oggi rappresentato da un target di pubblico sempre più attento e curioso a ciò che beve che scopre come le aziende vitivinicole si stanno evolvendo nella produzione del vino rosso, che sta presentando delle caratteristiche più morbide slegandolo dal concetto che solo abbinato a un lauto pasto possa essere gradevole, contribuendo a farlo apprezzare anche a coloro che sono più riottosi alle sue note di gusto. Un modo per portare alla scoperta il lavoro di alcune aziende dando l’opportunità di far conoscere al mainstream alcune delle loro etichette migliori o meno conosciute.

“La seconda edizione di Red Wines conferma il successo dei grandi vini rossi italiani verso il pubblico di wine lover napoletani che seguono, con grande entusiasmo, gli eventi firmati Gambero Rosso da oltre 15 anni a Napoli. Un’ ottima  partenza di stagione che vedrà un calendario di eventi importanti  nei prossimi mesi , dal Brachetto al Franciacorta  e i Rosé, che avremo il piacere di portare a Napoli aprendo un confronto e creando un incontro anche tra i produttori di altre regioni e i clienti della community di Gambero Rosso e Città del Gusto Napoli afferma Serena Maggiulli, direttore di Gambero Rosso – Città del Gusto Napoli, portando tra i banchi di assaggio delle opulenti stanze di Palazzo San Teodoro circa 17 cantine provenienti da regioni come la Campania, Veneto, Sicilia, Toscana o del Friuli Venezia Giulia.

Una degustazione tra le bellezze dell’arte

Le degustazioni enologiche organizzate da Gambero Rosso attraverso il suo network regionale, Città del Gusto Napoli, insieme alla collaborazione dell’AIS Campania da tempo hanno la funzione di raccontare i territori attraverso i loro vini dove nasce un momento di scambio anche tra i produttori che aderiscono e che curano i momenti dediti all’assaggio in cui sono molto distanti i tecnicismi. L’Italia e le sue tradizioni sono rappresentate a ogni sorso gustato dal calice, a ogni boccone di cibo addentato in cui sono ben distanti i tecnicismi proprio per rendere accessibile al mondo del vino anche i semplici curiosi poco esperti.

Come tutti eventi firmati Gambero Rosso anche Red Wines è sicuramente Un percorso in la cultura del cibo e del vino diventa un’esperienza del bon vivre con quel tocco di glamour che è un po' la cifra delle degustazioni organizzate da Serena Maggiulli.

Proprio seguendo l’idea che ogni evento enoico debba essere esperienziale, Serena Maggiulli sceglie che le degustazioni vadano oltre il wine tasting. Ecco l’intuizione di creare un ponte con l’arte portando il food&wine nei luoghi votati alla cultura, dove l’arte in tutte le sue forme sia protagonista accanto al vino. L’attenzione di scegliere la location in cui anche le bellezze architettoniche giocano un ruolo rilevante diventano il tratto distintivo per gli eventi messi in piedi da Gambero Rosso.

Per i Red Wines le sale sontuose di Palazzo San Teodoro che richiamano i fasti di tempi lontani rappresentano il giusto punto di congiunzione per richiamare l’attenzione degli appassionati d’arte e architettura per mettere sotto i riflettori l’over the top delle produzioni vitivinicole dei rossi italiani in tutte le sue espressioni.

Video popolari

A Palazzo San Teodoro un dialogo tra architettura e i migliori vini rossi d’Italia

NapoliToday è in caricamento