Lunedì, 22 Luglio 2024
social

Cos'è il progetto Partenope del Comune di Napoli, finanziato per un importo totale di 150mila euro

Curato da Vincenzo Trione, sarà realizzato dal bresciano Francesco Vezzoli

Con il progetto Partenope il Comune di Napoli è stato ammesso al finanziamento della seconda edizione del PAC 2021, il Piano per l’Arte Contemporanea (dal budget complessivo di 3milioni di euro) della direzione generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura per la selezione di proposte progettuali finalizzate ad acquisire, produrre o valorizzazione opere dell’arte e della creatività contemporanee, destinate al patrimonio pubblico italiano.

Il progetto Partenope

Finanziato con 150mila euro, il progetto presentato dal Comune di Napoli è curato da Vincenzo Trione e punta ad accrescere la collezione d’arte contemporanea comunale sostenendo la realizzazione di una scultura site-specific negli spazi di Castel Nuovo, Partenope, appunto.

Partenope sarà realizzata dall’artista Francesco Vezzoli ed è una scultura concepita come pezzo unico, ispirata alle figure “mitiche” della sirena Partenope e del Coccodrillo che richiamano al contempo la storia della città di Napoli e una leggenda legata a Castel Nuovo.

La sirena Partenope

La Sirena è il simbolo della fondazione della città di Napoli. Come racconta Omero nel XII canto dell’Odissea, Partenope non accettò mai il rifiuto di Ulisse e, per il dolore, si suicidò gettandosi da una roccia. Le onde del mare portarono il suo corpo fino al golfo di Napoli e, più precisamente, sull’isolotto di Megaride, dove si dissolse prendendo la forma della città: la sua testa è la collina di Capodimonte e la sua coda si posa lungo la collina di Posillipo.

Il Coccodrillo

La figura del Coccodrillo è legata alla leggenda narrata da Benedetto Croce nel libro Miti e leggende napoletane (1919). Il filosofo racconta che la regina Giovanna II aveva fatto arrivare un coccodrillo dall'Egitto e che lo aveva sistemato nei sotterranei del Maschio Angioino. Il coccodrillo, cui la regina dava in pasto gli amanti di cui voleva disfarsi, era solito divorare i prigionieri rinchiusi nei sotterranei del castello.

Fino al 1875, inoltre, come testimonia una celebre foto di Robert Rive, sulla sommità della porta bronzea di Castel Nuovo fu realmente esposto un coccodrillo imbalsamato.

Dove sarà collocata Partenope

Probabilmente l'opera di Vezzoli sarà collocata sulla terrazza che affaccia sul Porto, al primo piano di Castel Nuovo.

Francesco Vezzoli

Francesco Vezzoli è nato nel 1971 a Brescia. Ha studiato alla Central St. Martin’s School of Art di Londra, attualmente vive e lavora a Milano. È un artista italiano contemporaneo di grande successo: ha partecipato diverse volte alla Biennale di Venezia, ha preso parte alla 26a Biennale di San Paolo nel 2004, alla Whitney Biennial nel 2006, alla 6a Biennale di Istanbul nel 1999 e a Performa nel 2007 e nel 2015.Ha esposto nei più importanti spazi nazionali e internazionali.

E' stato il primo artista italiano a realizzare un’opera site-specific per piazza della Signoria di Firenze, con il progetto Francesco Vezzoli in Florence (2021).

Vincenzo Trione

Vincenzo Trionee, che ha curato il progetto, è professore ordinario di Arte e media e di Storia dell’arte contemporanea. È Preside della Facoltà di Arti e turismo e coordinatore del Dottorato di ricerca in Visual and Media Studies. È stato Commissario della XIV edizione della Quadriennale di Roma (2003), Direttore generale di Valencia 09-Confines (2009) e curatore del Padiglione Italia della 56^ Biennale di Venezia (2015). Dal 2013 al 2020 ha diretto il Dipartimento di ricerca e formazione del Museo Madre di Napoli, che ha portato alla pubblicazione dell’Atlante dell'arte contemporanea a Napoli e in Campania: 1966-2016 (2016). Dal 2020 è Presidente della Scuola dei beni e delle attività culturali (Ministero della Cultura), direttore generale dell’Enciclopedia Treccani dell’Arte Contemporanea

Il commento del sindaco

"Il contributo del Piano per l’Arte Contemporanea servirà a Castel Nuovo per acquisire un’opera di un artista vivente di grande rilievo, che possa valorizzare, insieme ai propri spazi e alla propria collezione, l’immagine di uno dei luoghi più rappresentativi di Napoli. Si arricchisce così l'offerta turistico-culturale della nostra città alzando ulteriormente la rispettiva qualità a livelli nazionali ed internazionali", commenta il sindaco Gaetano Manfredi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è il progetto Partenope del Comune di Napoli, finanziato per un importo totale di 150mila euro
NapoliToday è in caricamento