Dal Rione Traiano al red carpet di Venezia: un 29nne napoletano consacrato miglior regista di corti

Gli studi al Liceo Boccioni di via Terracina, l'Accademia di Belle Arti di Napoli, il lavoro con i ragazzi delle periferie: la storia del napoletano che ha incantato la critica alla Settimana del cinema di Venezia

Tra i premiati alla Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia c'è anche un giovanissimo napoletano.

29 anni, studi al Liceo artistico di Terracina, a Fuorigrotta, e poi all'Accademia di Belle Arti partenopea, è stato consacrato miglior regista di cortometraggi (sezione Short Italian Cinema -SIC) alla Settimana Internazionale della Critica, la più prestigiosa tra gli spin-off della kermesse veneta, giunta quest'anno alla 35ma edizione. In giuria i produttori cinematografici Nicola Giuliano, Donatella Palermo e Giovanni Pompili.

Le mosche napoletane a Venezia

In 15 minuti, il regista napoletano racconta in bianco e nero la storia di quattro ragazzini (impersonati dagli attori Roberto Navarra, Ciro Nacca, Luciano Gigante e Antonio Castaldo, con una partecipazione speciale di Salvatore Striano) che, sullo sfondo della nostra città, fredda e distante, si muovono come mosche verso il loro destino.

Dal Rione Traiano al red carpet di Venezia

Il miglior regista di cortometraggi alla 35ma Settimana internazionale della critica di Venezia è Edgardo Pistone.

Classe 1990, Pistone è cresciuto al Rione Traiano.

Ha studiato prima al Liceo artistico Umberto Boccioni di Terracina, a Fuorigrotta, quindi si è laureato - con il massimo dei voti - all'Accademia di Belle Arti di Napoli.

Nonostante la giovanissima età, vanta già una carriera di tutto rispetto come regista e autore, fotografo e sceneggiatore: è stato aiuto regista in “Selfie” di Agostino Ferrante - presentato alla 76′ edizione della Biennale e vincitore del David di Donatello come miglior documentario del 2019 - e il suo "Per un’ora d’amore" nel 2015 ha vinto come miglior corto autoprodotto al Napoli Film Festival del 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le mosche - ha avuto modo di spiegare il regista - è dedicato ad un amico di infanzia, Attilio Montagna. E proprio l'amicizia e un immenso, sconfinato amore per i giovani di Napoli e, in particolare, per i ragazzi delle periferie, sono alla base del lavoro di Pistone che, tra l'altro, collabora con associazioni e scuole per insegnare ai giovani i segreti del cinema che è un po' come insegnare che i sogni, se si lavora duro e bene, possono diventare realtà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Amministrative 2020, lo spoglio nei 28 comuni al voto nel napoletano | DIRETTA

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento