rotate-mobile
Domenica, 4 Giugno 2023
social

Blue Monday: ovunque, ma non a Napoli

In Occidente, da sempre, il lunedì è un giorno "triste" perché segna la ripresa della routine dopo il fine settimana. Il terzo lunedì di gennaio, poi, secondo le statistiche, è in assoluto il giorno più triste dell'anno

Il blue monday o lunedì triste, in base all'equazione elaborata oltre 10 anni fa dallo psicologo Cliff Arnall, cade il 3° lunedì di gennaio - dunque oggi - ed è ritenuto il giorno più triste dell'anno.

Come diceva Totò, "è la somma che fa il totale": nel 3° lunedì del primo mese del nuovo anno, infatti, si concentrerebbero condizioni meteo negative e, soprattutto, i sensi di colpa per le abbuffate natalizie e anche per le spese folli di Natale, Befana e inizio saldi.

Mai come oggi, inoltre, la bella stagione e le vacanze risulterebbero lontane e impossibili.

Questo, ovviamente, ovunque ma non a Napoli dove oggi, 3° lunedì del primo mese dell'anno, in barba alle statistiche splende un bel sole che invoglia a passeggiare, magari sul Lungomare o al Virgiliano (senza problemi di assembramenti), mentre nell'aria - in ogni quartiere - si diffonde l'odore tanto inebriante quanto irresistitibile di graffa zuccherosa oppure, per gli amanti del salato, di pizza fritta che fa sparire qualsiasi ipotesi di dieta.

Il lunedì più triste dell'anno, quindi, a Napoli è decisamente meno triste che in qualsiasi altra parte del mondo  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blue Monday: ovunque, ma non a Napoli

NapoliToday è in caricamento