Da donna libera in Nigeria a schiava in Campania, la storia di Blessing

A Napoli per presentare il suo libro e richiamare l'attenzione sul dramma della tratta che in Italia riguarda circa 70mila donne

Blessing Okoedion è nigeriana. Originaria di Edo State, Blessing è morta in Italia e circa cinque anni fa rinata a Castelvolturno.

Blessing era partita dalla Nigeria con una laurea in tasca, tutti i documenti in regola e tanti sogni da realizzare. La donna che l'accompagnava e di cui si fidava, però, appena arrivate in Italia, le ha preso passaporto, laurea, soldi e l'ha precipitata nell'inferno della tratta: da donna libera a schiava, da laureata con un avvenire di successo a merce senza futuro. Ma Blessing ha detto no. Con coraggio, determinazione e una fede incrollabile, che non l'ha mai abbandonata, è riuscita a scappare e ha denunciato i suoi aguzzini. Accolta dalle suore orsoline a Casa Rut, a Castelvolturno, Blessing è nata per la seconda volta.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A casa Rut, infatti, Blessing è tornata a pensare al futuro, ha ritrovato fiducia negli altri, ha ripreso a studiare, ha trovato lavoro come mediatrice culturale e interprete. E ha scritto un libro: racconta la sua storia che è la storia di migliaia di ragazze - si stima che nel nostro Paese siano circa 70mila - ingannate, rapite e tenute in schiavitù: in Italia, a pochi passi dalla nostra casa, dai ristoranti, dai lidi o dai centri commerciali e, soprattutto, invita a non voltarsi dall'altra parte, a non ignorare un fenomeno che ha proporzioni drammatiche, a dare in qualsiasi modo un aiuto. E proprio con l'obiettivo di discutere le possibili strategie di intervento  contro la tratta, al Circolo Canottieri si è tenuta una serata speciale con Blessing, suor Rita Giaretta già responsabile di casa Rut, Livia Turco in splendida forma, Annamaria Carloni, Paolo Siani, Mario Morcone e tanti volti noti dell'impegno civile da Anna Ziccardi a Pina Amarelli, Mariolina Coppola, Giulia Parente, Argia Albanese, Elisabetta Gambardella, Antonio Bassolino, Laura Guerra, e tantissimi altri .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento