menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini, niente file all'Asl: basta una telefonata

La circolare del Ministero spiega che la richiesta di vaccinazione può essere effettuata anche telefonicamente

Caos vaccini: come prevedibile, ambulatori presi d'assalto in queste ore dai genitori nel timore di non poter iscrivere i propri figli a scuola. Ma la circolare del Ministero della Salute - è disponibile sul portale istituzionale - diffusa nei giorni scorsi spiega che la richiesta di vaccinazione nonché l'indicazione delle vaccinazioni di cui si chiede la somministrazione, può essere effettuata anche telefonicamente.

Tra le altre possibiltà, quella di mandare una Pec o una raccomandata a/r, sempre contenete i dati richiesti e la disponibilità a provvedere alla vaccinazione. Insomma, per quest'anno, "il genitore potrà dichiarare di aver richiesto alla Asl di effettuare le vaccinazioni non ancora somministrate".

VACCINAZIONI OBBLIGATORIE, LE PROCEDURE IN CAMPANIA

"L'allarmismo che si è diffuso in questi giorni è del tutto ingiustificato", ha spiegato il presidente dell'Ordine dei medici di Napoli, Silvestro Scotti, al Corriere del Mezzogiorno. "Non si può pensare di burocratizzare il rapporto medico-paziente, non si può guardare ai medici di famiglia come a meri esecutori materiali di disposizioni calate dall'alto. Tutta questa polemica sui vaccini, su come fare o non fare, ha allontanato il dibattito dalla portata dei cittadini. Le vaccinazioni sembra non abbiano più nulla a che fare con la professione medica. Ci si dimentica che qui non parliamo di burocrazia ma di salute. Se si prosegue su questa strada il medico è destinato ad essere sempre più visto come un prescrittore, come qualcuno tenuto solo a certificare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento