Il gioco che mette in guardia dai social ideato da alunni napoletani

"The social dilemma game" è l'idea venuta ai ragazzi una seconda media della Scuola "Dalla parte dei bambini"

Si ispira a Cluedo ma al posto delle classiche stanze, sul tabellone di 'The social dilemma Game" ci sono tutti i social network che riempiono i nostri telefonini. L'idea è venuta agli alunni di seconda media della Scuola "Dalla parte dei bambini" di Napoli, dopo aver visto il film documentario The Social Dilemma: "Queste app non vanno demonizzate - spiega Alessandro Ventura, il docente che ha guidato il progetto - ma è giusto essere consapevoli dei pericoli che si possono nascondere". 

Nel classico Cluedo, carte e pedine sono divisi in tre gruppi: personaggi, stanze e armi. Il funzionamento della variante social è molto simile, ma al posto del salone troveremo Whatsapp, Facebook e Tick Tock; al posto di coltelli e pistole ci saranno le fake chat e il cyberbullismo; invece del maggiordomo, tra i protagonisti ci saranno hater ed adescatori. Scopo del gioco è di scoprire, raccogliendo indizi, quale personaggio ha commesso quale delitto e in quale social network.  

Si parla di

Video popolari

Il gioco che mette in guardia dai social ideato da alunni napoletani

NapoliToday è in caricamento