Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Nisida parte il tir vaccinale anti-Covid

Il mezzo è un hub di somministrazione mobile che l'associazione Live to Love mette a disposizione delle Asl di tutto il territorio nazionale

Un polo vaccinale mobile per chi vive in zone inagibili e ha difficoltà a raggiungere gli hub anti covid istituzionalizzati. E’ l’iniziativa promossa dall’associazione “Live to Love - Vivere per Amare” per fronteggiare l’emergenza coronavirus e aiutare le Istituzioni nell’imponente campagna vaccinale. Il mezzo di trasporto che ospita un attrezzato ambulatorio medico è un tir e inizialmente è stato acquistato dalla onlus con lo scopo di promuovere campagne di prevenzione offrendo screening gratuiti per contrastare malattie gravi come i tumori. Ma la pandemia da coronavirus  ha suggerito al presidente, Carlo Molino, e al vicepresidente, Mariano Barbi, un nuovo e aggiuntivo impiego.

“L’idea è nata negli ultimi mesi quando è iniziata la corsa contro il tempo per vaccinare tutti - spiega Carlo Molino medico e presidente di “Live to Love” - . Non dobbiamo mai dimenticare che in Italia abbiamo avuto 124mila morti da Covid, in Campania oltre seimila e quattrocento. La vaccinazione è l’unica strada percorribile per contrastare il virus. Mettere a disposizione delle Asl e di tutti gli Enti che ne faranno richiesta un presidio vaccinale mobile significa raggiungere anche luoghi difficilmente accessibili e offrire così supporto e aiuto agli abitanti che non riescono a raggiungere gli hub vaccinali di zona”.  

In attesa dell’autorizzazione delle Asl campane, il mezzo è stato comunque dotato di tutte le attrezzature prescritte. Intanto l’associazione “Live to Love” è in procinto di siglare un protocollo d’intesa con il Corpo Militare dell’Ordine di Malta per la disponibilità di medici e di infermieri e con l’Archeoclub d’Italia – Nucleo di Protezione Civile – per l’eventuale impiego in concorso sull’intero territorio nazionale.

Si parla di

Video popolari

Da Nisida parte il tir vaccinale anti-Covid

NapoliToday è in caricamento