Tac, ridotte le radiazioni del 60 percento: premiata la scopritrice del protocollo

Il sistema è stato elaborato dalla ricercatrice e ingegnere clinico Federica Caracò, insieme alla collega Michela D'Antò

Il rettore Manfredi con Federica Caracò

La scoperta è tutta made in Naples. Si tratta di una nuova versione della Tac che permette di ridurre le nocive radiazioni emesse dai macchinari addirittura del 60 percento.

Dietro il notevole passo avanti in ambito medico c'è una ricercatrice e ingegnere clinico, Federica Caracò, premiata dal rettore della Federico II Gaetano Manfredi per il protocollo che ha elaborato insieme alla collega Michela D'Antò.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tac, radiazioni ridotte da due scienziate: la scoperta

Alla ricercatrice, premiata in occasione di "Buon compleanno Federico II" (giunta alla quinta edizione), è stato consegnato il 'frontone' simbolo dell'ateneo federiciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

  • Sirt, la dieta che fa perdere peso e migliora la salute

  • Maresciallo dei carabinieri si suicida in caserma: "Mi scuso con mia moglie e con l'Arma"

Torna su
NapoliToday è in caricamento