Tac, ridotte le radiazioni del 60 percento: premiata la scopritrice del protocollo

Il sistema è stato elaborato dalla ricercatrice e ingegnere clinico Federica Caracò, insieme alla collega Michela D'Antò

Il rettore Manfredi con Federica Caracò

La scoperta è tutta made in Naples. Si tratta di una nuova versione della Tac che permette di ridurre le nocive radiazioni emesse dai macchinari addirittura del 60 percento.

Dietro il notevole passo avanti in ambito medico c'è una ricercatrice e ingegnere clinico, Federica Caracò, premiata dal rettore della Federico II Gaetano Manfredi per il protocollo che ha elaborato insieme alla collega Michela D'Antò.

Tac, radiazioni ridotte da due scienziate: la scoperta

Alla ricercatrice, premiata in occasione di "Buon compleanno Federico II" (giunta alla quinta edizione), è stato consegnato il 'frontone' simbolo dell'ateneo federiciano.

Potrebbe interessarti

  • Tartarughe d'acqua: fuorilegge dal 31 agosto

  • Filumena Marturano è veramente esistita e abitava in Vico San Liborio

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • Smettere di fumare: tutti possono farlo. Ecco come

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Mezze maniche cremose ai pistacchi: primo velocissimo e goloso

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • ANTEPRIMA - Don Balon: "Il Real offre al Napoli Nacho e James per Koulibaly"

Torna su
NapoliToday è in caricamento