Malattie allergiche e ruolo dei mastociti e delle cellule TFH: lo studio della Federico II

L'attività di ricerca della dottoressa Gilda Varricchi

Il ruolo dei mastociti e delle cellule T helper follicolari (TFH) che sono implicate nella patogenesi delle malattie allergiche. Questo il frutto dell'attività di ricerca della dottoressa Gilda Varricchi, Ricercatore (RTDB) di Medicina Interna presso il Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali (DISMET) della Università Federico II di Napoli e membro del Centro Interdipartimentale di Scienze Immunologiche di Base e Cliniche (CISI) e del WAO Center of Excellence.

Queste ricerche, svolte in parte in collaborazione con il gruppo del Professore Petri T. Kovanen del Wihuri Research Institute dell'Università di Helsinki (Finlandia), sono state pubblicate sulla prestigiosa rivista Trends in Immunology (agosto 2020).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, le ricerche hanno dimostrato che i mastociti polmonari e cutanei ed i loro mediatori chimici svolgono un ruolo pro-infiammatorio nelle malattie allergiche. Attualmente la Varricchi ha dimostrato che i mastociti possono essere evidenziati in tutti i compartimenti (ventricoli, atri, valvole cardiache, arterie coronariche e pericardio) del cuore umano. Sorprendentemente, i mastociti cardiaci possono svolgere un inaspettato ruolo protettivo in diverse patologie cardiovascolari. Infatti, queste cellule immunitarie producono fattori pro-angiogenici, come il Vascular Endothelial Growth Factor-A (VEGF-A), che, agendo sulle cellule endoteliali, incrementano il circolo coronarico. Inoltre, i mastociti cardiaci producono fattori linfoangiogenici, come il VEGF-C, che favoriscono il deflusso della linfa a livello dei linfatici del cuore. Attraverso questo meccanismo, i mastociti ed il VEGF-C da loro prodotto, può contribuire alla risoluzione della flogosi cardiaca. A conferma di queste osservazioni, è stato dimostrato che la triptasi mastocitaria attiva alcuni recettori (PAR2) sui cardiomiociti, inducendo un effetto protettivo nell'infarto sperimentale.

La dottoressa Varricchi ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Scienze Immunologiche presso l'Imperial College di Londra svolgendo attività di ricerca presso il Department of Clinical Immunology and Allergy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Temporali d'agosto in arrivo a Napoli: temperature giù di 10 gradi

  • Ritrovata dopo 24 ore di ricerche, Claudia è in coma farmacologico

  • Carabiniere aggredito, quattro arresti: fermato anche l'uomo che gli ha rubato il borsello mentre era a terra

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento