Salute

Osteoporosi: quali cibi mangiare per prevenirla a tavola

"Il pesce, la frutta secca e la uova sono alcuni alimenti fondamentali per la prevenzione di questa malattia. Da limitare, invece, la caffeina, il sale e alcuni tipi di vegetali”. I consigli della dott.ssa Daniela Vitiello

L’osteoporosi è una malattia diffusa che comporta la riduzione della resistenza ossea, con conseguente aumento del rischio di fratture. A soffrirne in Italia sono quasi 5 milioni di persone, soprattutto donne in menopausa. Questa patologia si può evolvere anche senza dare sintomi finché non provoca una frattura o il collasso di una o più vertebre, per questo motivo viene anche definita “malattia silente”. Tra le principali cause dell’osteoporosi ci sono cattive abitudini alimentari, stili di vita errati, carenza di calcio e vitamina D, familiarità. L’osteoporosi è una malattia dalla quale non si può guarire. Tuttavia, esistono diverse terapie farmacologiche che rallentano o arrestano la progressione. Anche l’alimentazione gioca ha un ruolo fondamentale. Per prevenire questa patologia è fondamentale inserire nella dieta le giuste quantità di calcio, fosforo e vitamina D. Ma in quali in alimenti troviamo questi elementi fondamentali per il benessere delle nostre ossa? NapoliToday lo ha chiesto alla dott.ssa, biologa nutrizionista, Daniela Vitiello. Ecco un elenco di cibi consigliati e cibi sconsigliati stilato dalla dottoressa.

CIBI CONSIGLIATI:

  • Pesce: da preferire quello azzurro (sgombro, alici, scorfano, sardine, trote, pesce spada) poiché questi pesci sono un’ eccellente fonte di fosforo. Mentre i lattarini (pesce di piccole dimensioni) sono una buona fonte di calcio. La vitamina D, invece, è presente maggiormente nei pesci grassi come salmone, sgombro e aringhe.
  • Carne fresca: ha poco calcio ma una quota considerevole di fosforo soprattutto la carne di suino, cavallo e tacchino.
  • Legumi: sono fonte di calcio soprattutto la soia e i ceci. Mentre i fagioli e le fave sono una discreta fonte di fosforo.
  • Cereali: la crusca di frumento è un’eccellente fonte vegetale di fosforo. I cereali sono scarsi nel contenuto di calcio.
  • Latte e derivati: ottima fonte sia di fosforo che di calcio ma, al contrario di quanto si pensi, il calcio presente nel latte non si assimila perché è bloccato dalle micelle di caseina.
  • Uova: hanno un discreto contenuto di calcio, ottima fonte di fosforo e di vitamina D, soprattutto il tuorlo.
  • Frutta secca: arachidi, pistacchi, noci, mandorle, nocciole e fichi secchi contengono molto calcio.
  • Acqua: è un’ottima fonte di calcio facilmente assimilabile. Da privilegiare le acque minerali con contenuto superiore ai 300 mg/litro e povere di sodio (meno di 50 mg/litro). Bere 1-2 litri di acqua al giorno può fornire dai 350 ai 650 mg di calcio.

Recenti studi scientifici pubblicati sul Journal of Internal Medicine, hanno individuato un probiotico del genere Lactobacillus Reuteri capace di ridurre la perdita del volume osseo. Il supplemento giornaliero di questo probiotico ha riscontrato una significativa riduzione di perdita ossea.

CIBI SCONSIGLIATI:

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osteoporosi: quali cibi mangiare per prevenirla a tavola

NapoliToday è in caricamento