Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E-Lisa, arriva da Napoli la rivoluzione dell'Ortopedia

 

Non sono medici, ma ingegneri ed esperti di comunicazione. Il gruppo di ricercatori napoletani che ha fondato la start up E-Lisa potrebbe aver creato un algoritmo che rivoluzionerà l'ortopedia. Ci credono i medici di Pineta Grande, la struttura ospedaliera privata che opera anche i giocatori del Napoli, i quali hanno investito sul progetto.

Conoscere in anticipo, prima ancora di operare, come andrebbe a finire l’intervento, se la frattura può essere ricomposta oppure occorre una protesi. E vedere tutto ciò come se stesse accadendo davvero, come in uno dei videogiochi più realistici. Parliamo di una delle attività di E-Lisa. La start- up è nata circa 3 anni fa e cresciuta all’interno dell’Incubatore d’impresa di Campania New Steel a Città della Scienza.

La ricerca, portata avanti dagli under 35 Fabrizio Fiorentino e Livia Pietroluongo, si è avvalsa della ollaborazione di Raffaele Russo, luminare dell'ortopedia di fama internazionale. La procedura prevede l’invio della tac o di una risonanza magnetica per ottenere una pianificazione dell’intervento virtuale oppure ottenere una ricostruzione tangibile tramite una stampante 3D. Queste innovazioni permettono di effettuare interventi più precisi e di maggiore qualità e a giovarne sono i pazienti che possono recuperare maggiore mobilità e avere un percorso post-operatorio meno doloroso.

L’azienda sta collaborando con l’Università Federico II per lo sviluppo di un software che sarà in grado di simulare automaticamente l’intera chirurgia e di trasferire la simulazione virtuale dell’operazione direttamente sul lettino operatorio tramite dispositivi di realtà aumentata. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento