Diminuiscono i tumori in Italia ma la Campania resta tra le regioni più colpite

Lo studio “I numeri del cancro in Italia 2019” evidenzia però che al Sud sono diminuiti rispetto al Nord

“L’aumento di tumori al Nord rispetto al Sud è un dato da prendere con le pinze perché da queste parti già c’erano in precedenza dei tassi di mortalità altissimi”. Il professor Antonio Giordano, ricercatore di fama mondiale tra i più attivi nella ricerca sulle patologie oncologiche, ha commentato ai microfono de “La Radiazza” su Radio Marte i dati contenuti nello studio “I numeri del cancro in Italia 2019”. “La Campania resta tra le regioni maggiormente colpite. Purtroppo l’assenza di programmi di prevenzione efficaci indice negativamente. Serve implementarli, specie nelle zone a maggior incidenza. La politica deve essere attenta. Uno studio che stiamo per pubblicare evidenzia concentrazioni preoccupanti di metalli pesanti nei capelli e negli Ibd biologici dei pazienti provenienti dalle zone critiche. Purtroppo occorre un monitoraggio sempre più serrato. Basta pensare all’aumento dei tumori al seno tra le donne in età pre-screening per capire quanta strada c’è da fare”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il quadro dipinto dal professor Giordano deve indurre ad una profonda riflessione – affermano il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” Gianni Simioli -. Occorrono programmi di prevenzione che facciano in modo di tenere sotto controllo la popolazione dal punto di vista dei rischi oncologici. Allo stesso tempo occorre combattere sul fronte della repressione dei reati ambientali che provocano l’insorgenza nei tumori. L’esempio della Terra dei Fuochi è evidente. Bisogna ridurre quanto più possibile i roghi e gli sversamenti tossici per offrire ai residenti una migliore condizione di vita e una minore esposizione al rischio di ammalarsi di cancro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Nuova ordinanza di De Luca: pubblicato il testo e le linee guida (I DOCUMENTI)

Torna su
NapoliToday è in caricamento