Iperlordosi lombare, cos’è e come si cura: risponde l’esperto

“Per prevenire il suo sviluppo bisogna svolgere un’attività sportiva costante ed evitare di trascorrere troppe ore seduti e nella stessa posizione”. L’intervista al dott. Fabrizio D’Urso

La curva naturale della colonna vertebrale è importante per lo scarico dei pesi e la resistenza agli sforzi. Quando si verifica un’accentuazione della curva lordotica (> 40-50°), cioè della parte inferiore della spina dorsale, si è in presenza di un’iperlordosi lombare. Questa patologia, rara nei bambini, oltre a provocare dolore acuto e cronico nei casi più gravi, può comportate anche una rotazione del busto di pochi o molti gradi (come nel caso della cifosi o scoliosi) in base al suo livello di gravità. L’iperlordosi si presenta, generalmente, con un addome sporgente, i glutei portati eccessivamente all’indietro e il bacino proiettato all’indietro, dolori vertebrali e lombalgie acute che tendono ad aumentate se si resta in piedi per lungo tempo. Ma quali sono le cause? Diversi studi hanno dimostrato che soltanto il 20% delle lombalgie è provocato da problematiche specifiche della colonna vertebrale, l’80% è da associare, invece, a posture e movimenti scorretti, stress psicologici, condizione fisica scadente, sovrappeso e obesità, abitudine ad indossare scarpe col tacco per molte ore. Altre cause possono essere la gravidanza, alterazioni congenite del bacino, l’ernia del disco, l’osteoporosi e artrosi. Una iperlordosi trascurata può portare complicazioni come infiammazione dei nervi, nevralgia, lombalgia cronica, perdita di equilibrio, per questo è importante diagnosticarla in tempo e bloccare una sua evoluzione. Ma qual è il miglior trattamento per giungere alla guarigione? E’ possibile prevenirla? NapoliToday lo ha chiesto al dott. Fabrizio D’Urso, fisioterapista esperto in Riabilitazione dei disordini muscolo-scheletrici e del movimento.

Cosa è l'iperlordosi e quali sintomi comporta?

“Con il termine ‘iperlordosi lombare’ si vuole indicare un eccessivo aumento della lordosi lombare che può essere associato ad alterazioni posturali. È possibile distinguere l’iperlordosi lombare come paramorfismo o come dismorfismo. Un paramorfismo è un atteggiamento, ossia un’alterazione posturale correggibile passivamente o attivamente dall’individuo attraverso un feedback esterno. Un dismorfismo è, invece, un’alterazione posturale strutturata e dunque non corregibile passivamente o attivamente da parte dell’individuo: è il caso degli anziani con la calcificazione del rachide. I paramorfismi sono, invece, più tipici dei oggetti più giovani e sono spesso causati da squilibri muscolari, e per tale motivo sono correggibili. Per quanto riguarda la sintomatologia è giusto sottolineare che quasi sempre l’iperlordosi lombare è asintomatica e più spesso di quanto si possa pensare. Non sempre è causa di mal di schiena. In alcuni soggetti però può essere associata a lombalgia per lo squilibrio muscolare presente, per mancanza di forza nei muscoli della colonna, per sedentarietà o, come capita nei soggetti anziani e con osteoporosi, a causa di fratture vertebrali”.

Schermata 2019-05-01 alle 17.09.01-2

Quali sono le cause?


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le cause di iperlordosi possono essere molteplici anche se questa spesso è idiopatica e spesso presente già dall’infanzia.
 Alcune cause:


  • mantenere alcune posizioni per molto tempo al giorno
  • alterazioni congenite del bacino
  • 
gravidanza (durante gli ultimi mesi è possibile che si presentino alterazioni delle curve della colonna)

  • squilibrio muscolare (causa più frequente)

  • sovrappeso

  • patologie a carico della colonna vertebrale come fratture
  • rachitismo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Musica napoletana in lutto, si è spento Luciano Rondinella

Torna su
NapoliToday è in caricamento