Dieci interventi in mondovisione dalle sale operatorie della Federico II

Realizzati in chirurgia laparoscopica dall'equipe diretta dal professore Francesco Corcione

(foto Unina)

Dieci interventi in mondovisione dalle sale operatorie della Federico II. Tutti realizzati in chirurgia laparoscopica dall'equipe diretta dal professore Francesco Corcione.

L'occasione è nata dalla partecipazione al XXX Congresso internazionale dell'apparato digerente che si è svolto a Roma. Il Policlinico dell'Università Federico II è stato scelto per la prima volta per prendervi parte, ed è stato l'unico tra i centri in Italia invitato, per entrambi i giorni, ad eseguire interventi.

Il Congresso è un evento di livello mondiale ed ha tra i principali obiettivi quello di mostrare annualmente le evoluzioni relative alla chirurgia digestiva con la tecnica open e con la tecnica laparoscopica attraverso dirette dalle sale operatorie di tutti i continenti.

Sui maxischermi dell'auditorium della sede congressuale romana quest'anno sono stati trasmessi anche dieci interventi contemporaneamente. I 18 canali live messi a disposizione dall'organizzazione sono stati selezionati da oltre 30.000 visitatori dai 5 continenti.

L'equipe del professore Corcione della Federico II ha eseguito interventi di chirurgia laparoscopica avanzata per patologie neoplastiche o funzionali del giunto gastro-esofageo, del colon retto dello stomaco, delle ghiandole surrenaliche e del pancreas.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento