Coronavirus, Il virologo della Federico II: "Prudenza e intelligenza. Non è peste ma superinfluenza"

"Da non sopravvalutare ma anche da fronteggiare con la necessaria accortezza, proprio come bisogna fare con l'influenza", spiega il docente di Malattie Infettive alla Federico II di Napoli, il Prof. Gentile, in una intervista a NapoliToday

Docente di Malattie infettive e direttore dell'Unità operativa complessa di Malattie infettive dell'Azienda ospedaliera Universitaria della Federico II di Napoli, il Prof. Ivan Gentile risponde alle domande di NapoliToday per fare chiarezza sul Coronavirus.

Quanto è pericoloso Covid-19 / Sars2?

"Iniziamo dai dati: la casistica su 70mila casi osservati in Cina dice che tra 0 e 10 anni la mortalità provocata dal virus è pari a 0. E' quindi molto bassa tra gli adulti sani, fino ai 50 anni per salire, invece, al 15% circa nei pazienti anziani, con più di 80 anni. Vero è che nel mondo occidentale in genere e da noi in particolare le persone sono portate a non considerare malattie - quali invece sono - ma piuttosto condizioni di vita, patologie come ad esempio l'ipertensione arteriosa, che espongono ad un maggior rischio per quanto riguarda gli esiti del Covid-19.

Sempre per restare in tema di numeri, le statistiche dicono che nell'80 per cento dei casi il contagio da Covid-19 ha un'evoluzione benigna, con sintomi pressoché identici a quelli dell'influenza; per il 15% è invece richiesta l'ospedalizzazione mentre solo per il 5% circa si rende necessario il ricovero in rianimazione.

Dunque non siamo di fronte alla peste del nuovo millennio ma ad una semplice "superinfluenza", da non sopravvalutare ma anche da fronteggiare con la necessaria accortezza, proprio come bisogna fare con l'influenza".

Come si trasmette il virus?    

"Come già la Sars, di cui è parente stretto, la trasmissione del Covid-19 avviene attraverso "goccioline", parliamo quindi di droplet transmission. Vuol dire che le semplici mascherine mediche, che bloccano il contatto con liquidi e fluidi organici,  in prima istanza sono sufficienti come barriera contro il virus. Come per la Sars 1 anche per il Covid 19 tuttavia non può escludersi completamente la possibilità di una trasmissione per via area (aerosol) gli USA hanno adottato standards più elevati prevedendo per il personale sanitario che si occupa dei pazienti con Coronavirus l'adozione di maschere con filtrante.

Il virus è in attività e oggetto di studio da troppo poco tempo per avere certezze assolute sul suo comportamento. In ogni caso si può affermare che dall'eventuale contatto con un paziente infetto, il tempo massimo di incubazione del virus è di 14 giorni. Significa che dal 15mo giorno dal contatto con una persona infetta, se la malattia non si è sviluppata si può stare tranquilli. 

Come ogni virus, anche questo è programmato per vivere nelle cellule, mentre all'esterno degli organismi si indebolisce. E' stimato che sulle superfici sopravvive fino ad un massimo di 9 giorni, ma viene eliminato da una giusta pulizia con la candeggina. E' inoltre verosimile, anche se non ancora comprovato, che come molti virus anche questo non sopravviva ad alte temperature, da qui il consiglio di cuocere bene gli alimenti. Attenzione: per gli alimenti non ci sono indicazioni particolari, ma vanno applicate le regole d'igiene che bisognerebbe seguire sempre". 

CORONAVIRUS: PRIMO CASO A NAPOLI

Come difendersi?

"Dipende dalle attività che si svolgono. Come per qualsiasi emergenza medica, anche per il Covid-19 i centri nevralgici sono costituiti dagli ospedali che, dunque, vanno protetti nel modo più efficiente, con adeguate procedure e opportune dotazioni. 

E' inutile andare al supermercato o a passeggio con mascherine e respiratori. Chi non lavora in ospedale, e non è a contatto con pazienti affetti da Coronavirus, dovrebbe semplicemente attenersi alle regole del vivere civile e alle normali procedure d'igiene, che andrebbero applicate sempre, indipendentemente da quanto sta accadendo in queste ore, come lavarsi - bene - le mani.

I casi di Coronavirus accertati in Campania fino ad adesso sono tutti importati e non "autoctoni": allo stato, quindi, non ci sono evidenze che da noi vi sia un "focolaio", ma neanche può escludersi che il virus stia circolando sul nostro territorio. Al momento, quindi, è preferibile che le persone a rischio come gli anziani e i soggetti con morbilità pregressa evitino i luoghi molto affollati. Le evidenze scientifiche dicono che a 6 piedi (la misura anglosassone, equivalente a circa 2mt) di distanza da un soggetto infetto la trasmissione non avviene.

Vaccinarsi contro l'influenza è il consiglio che do a tutti, a partire dai 6 mesi di età. Siamo in un momento di picco stagionale e i sintomi dell'influenza comune sono del tutto simili a quelli del Covid-19. Per evitare inutili allarmismi, sovraffollamenti dei Pronto soccorso e un inopportuno sovraccarico di lavoro e costi per il sistema sanitario, quindi, la raccomandazione è di fare il vaccino antinfluenzale".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CORONAVIRUS: SCUOLE CHIUSE IN CAMPANIA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento