rotate-mobile
Salute

L'allarme dei chirurghi plastici: "Attenzione ai trattamenti estivi e ai Beauty Trip"

"Fate attenzione alle campagne promozionali social e alle operazioni low cost, rivolgetevi solo a specialisti con una certa esperienza", avverte il Professore Francesco D’Andrea, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Plastica ed Estetica del Policlinico Federico II di Napoli

In previsione delle vacanze e della prova costume, non è impossibile effettuare trattamenti estetici, ma è ammissibile avvalersi di ritocchi meno invasivi che si rivelano rigeneranti. Possibili da effettuarsi anche all'ultimo minuto, questi trattamenti non impediscono l'esposizione ai raggi solari. "Il tutto avviene in massima sicurezza - dichiara il Professore Francesco D'Andrea, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Plastica ed Estetica del Policlinico Federico II di Napoli -, è essenziale prepararsi ed evitare quelli che possono essere i danni. Il sole non è sempre nostro amico, e tra gli effetti negativi è possibile andare incontro ad un danneggiamento della pelle. È dunque ammissibile avvalersi di ritocchi per prepararsi all'estate, preparando il tessuto all'esposizione solare. come ad esempio la Biorivitalizzazione a base di acido ialuronico che serve a ridare tono ed idratazione ai tessuti. Altri piccoli ritocchi che consentono di trascorrere l'estate con un aspetto migliore sono i Filler e il Botulino, o trattamenti che utilizzano tecnologie compatibili con il sole come ad esempio la Lampada blu e la Radiofrequenza".

L’insoddisfazione di sé stessi, accompagnata da una dose di cattiva informazione, porta in molti casi il compiersi di scelte azzardate, che si tramutano in situazioni disastranti che mettono a repentaglio la propria salute. Si parla dell’abusivismo della professione e dei tanto chiacchierati ‘’Beauty Trip’’. Famosi per i tempi di attesa ridotti e prezzi allettanti, il turismo estetico coinvolge molti pazienti a viaggiare all’estero per sottoporsi a interventi estetici, sottovalutando i rischi e le complicazioni che possono presentarsi una volta rientrati. Il Professor D’Andrea promuove da anni l’importanza della giusta informazione attraverso la battaglia all’abusivismo professionale e ai viaggi estetici, poiché non esenti da rischi. La stessa iniziativa è stata recentemente accompagnata anche dalla SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica).

"Bisogna far attenzione alle campagne promozionali social e alle operazioni low-cost - continua il Professore D’Andrea -. E' importante, che il paziente si rivolga ad uno specialista che abbia una certa esperienza. I danni provocati dai viaggi estetici (Beauty Trip), in quelle mete dove la chirurgia plastica è low-cost e gli standard di sicurezza non sono gli stessi di quelli garantiti in Italia, possono mutarsi in situazioni rischiose, ricche di complicanze gravi e non solo di aspettative deludenti dal punto di vista post-operatorio. Il risultato di un intervento chirurgico è legato ad un arco temporale ampio, che va dalla visita con valutazione clinica e programmazione dell’intervento, alla spiegazione di quelli che possono essere i rischi-benefici legati allo stesso. Non può essere frutto di una sola settimana di cui alcuni giorni dedicati al turismo. Un secondo intervento per rimediare al primo non solo non è sempre possibile, ma sicuramente avrà un costo più elevato e non sarà sempre risolutivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme dei chirurghi plastici: "Attenzione ai trattamenti estivi e ai Beauty Trip"

NapoliToday è in caricamento