Candidosi vaginale e alimentazione: cosa mangiare e cosa evitare a tavola

“Bisogna evitare tutti gli alimenti lievitati, ricchi in zuccheri semplici e i latticini. Da preferire, invece, le verdure, i cereali senza glutine, le carni bianche, il pesce e le uova”. L’intervista alla dott.ssa Diana De Falco

Dott.ssa Diana De Falco

- Come si cura? Che ruolo gioca l’alimentazione?

“La Candidosi viene curata mediante terapia farmacologica a base di antimicotici, ma anche l’alimentazione gioca un ruolo importante nella crescita di questo fungo, in quanto ci sono cibi che ne inibiscono la proliferazione mentre altri la favoriscono”.

- Come viene strutturata, quale scopo ha la dieta per la Candidosi?

“Più che “dieta per Candidosi” parlerei di una dieta strutturata in modo da ridurre o eliminare alcuni alimenti, a seconda se si stia in una fase di trattamento dell’infezione o in una fase di prevenzione da recidive in soggetti predisposti alla comparsa di questa infezione (in particolare le donne con la candidosi vaginale), di cui il fungo della Candida ne è particolarmente ghiotto (quelli ricchi in zuccheri semplici), Siccome la scrematura di alimenti per un breve periodo può interessare una categoria più o meno vasta di alimenti, è importante consultare uno specialista della nutrizione e quindi evitare mosse azzardate con il rischio di avere come conseguenza carenze nutrizionali”.

- Quali sono i cibi da evitare in presenza di questa infezione?

“In presenza di Candidosi bisogna evitare tutti gli alimenti ricchi in zuccheri semplici come: dolciumi vari, bevande zuccherini, bevande alcoliche, frutta fresca ricca in zuccheri come fichi, uva o frutta disidratata; i latticini (contenenti un tipo di zucchero noto come lattosio), formaggi, latte, burro. Anche alimenti lievitati a base di cereali ricchi in glutine o alimenti acidi come i pomodori o agrumi che a lungo potrebbero alterare il ph intestinale. Bisogna, infine, stare attenti a verdure contenenti zuccheri che conferiscono quel particolare sapore dolciastro, come carote e zucchine”.

- Quali sono, invece, i cibi consigliati?

“Cibi consigliati sono le verdure, note per le innumerevoli proprietà antinfiammatorie quali broccoli, verza, cavolo; cereali senza glutine; carni bianche; pesce; uova. Come condimento utilizzare olio extra vergine di oliva e, per insaporire, aglio, specialmente crudo per le sue proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antimicotiche".

- Può farci un esempio di menù?

"Un esempio di menù adatto soprattutto per le donne che soffrono di Candidosi vaginale potrebbe essere così strutturato:

  • Colazione: 1 Yogurt bianco, un infuso a base di melissa o coriandolo e pane wasa con un velo di confettura; Spuntini: frutta come mela verde o frutti di bosco;
  • Pranzo: un piatto di riso basmati o parboiled condito verza o cavolo e un piatto di verdure crude condita con aglio a crudo e olio evo;
  • Cena: Secondo di pesce o carne con verdura a foglia verde cotte e condite con olio evo”.

- Come la si può prevenire a tavola?

“La si può prevenire a tavola attraverso il consumo di alimenti ricchi in probiotici come yogurt, kefir, miso, crauti o dalle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti come il consumo di verdure a foglia verde. Frazionando i pasti, evitando quindi pasti abbondanti che, alla lunga, deteriorano il naturale equilibrio della flora batterica intestinale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire velocemente: la dieta Kempner per perdere fino a 20 chili in un mese

  • Il rider rapinato è ancora senza lavoro: rifiutate due offerte

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento