Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccino Sputnik, Caldoro: "Un abuso d'ufficio. Il Governo faccia chiarezza"

L'annuncio di Vincenzo De Luca di aver concluso un accordo per il farmaco russo ha suscitato polemiche e richiesta di chiarimenti. L'ex presidente: "La Campania rischia sanzioni e il caos sociale"

 

"La Regione non può acquistare vaccini in autonomia. E' un abuso d'ufficio". Così Stefano Caldoro commenta il possibile acquisto da parte della Regione Campania di Sputnik. La bomba è detonata nella consueta diretta Facebook del venerdì. Tra un'accusa al Governo centrale e i moniti ai cittadini per non darsi alla pazza gioia nei giorni di Pasqua, Vincenzo De Luca ha annunciato l'accordo chiuso con il vaccino di Mosca.

Un'affermazione che ha suscitato reazioni in tutto il panorama istituzionale, da Draghi agli altri presidenti di Regione. Polemiche alimen "La legge non consente questa operazione - spiega il consigliere regionale di Forza Italia, già governatore del quinquennio 2010-2015 -  Mi risulta, ma non ne ho certezza, che diversi dirigenti si sono rifiutati di firmare questo atto e che è stato necessario cercare chi volesse firmarlo. Perché la Regione annuncia l'acquisto di un vaccino che non è ancora disponibile? Manca chiarezza in questa vicenda". 

Caldoro si appella al premier Mario Draghi: "Ha avanzato perplessità sulla mossa della Regione, assicurando approfondimento. Non possiamo attendere giorni, il Governo deve dirci ora se gli Enti locali possono acquistare vaccini o meno. Se possono farlo allora sostenga la Campania. Se non è legale deve applicare delle sanzioni". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento