Costa tra Terra dei Fuochi e Regionali: "Aperto al dialogo, ma il mio compito è azzerare i roghi"

Le parole del ministro dell'Ambiente Sergio Costa a margine di una riunione di coordinamento su Terra dei Fuochi

Sergio Costa

"Sappiamo che il lavoro delle forze dell'ordine è stato intenso, però i roghi sono aumentati. Non abbiamo la bacchetta magica, ma l'ultimo anello per invertire il trend è diminuire i roghi". Sono le parole del ministro dell'Ambiente Sergio Costa, intervenuto a margine di una riunione di coordinamento su Terra dei Fuochi con i prefetti e le forze dell'ordine delle provincie di Napoli e Caserta.

"I sequestri, i controlli, gli arresti e le denunce sono aumentati – sottolinea ancora il ministro – ma sui roghi serve una riorganizzazione su cui oggi abbiamo fatto un punto. I roghi tossici vanno azzerati".

La decisione al termine della riunione

Si è deciso, nell'incontro, che partirà da subito un servizio straordinario delle forze di polizia di presidio del territorio, nonché un rafforzamento dell'attività investigativa e operativa.

Si tratta di "un impegno operativo – ha spiegato lo stesso Costa – con le forze di polizia in campo e il coordinamento delle prefetture. Di settimana in settimana faremo una valutazione del lavoro svolto".

C'è poi il "capitolo dell'impegno dei Comuni, quello dei consorzi di filiera per il riciclo e l'impegno dei cittadini sui territori. Sono quattro pilastri di una stessa azione".

La richiesta per i Comuni, in particolare, è una partecipazione con un impegno più stringente nel recupero dei rifiuti abbandonati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le elezioni regionali

A margine dell'incontro Costa ha anche parlato delle elezioni regionali. "Io sono per il dialogo a 360 gradi, indipendentemente dai colori e dalle appartenenze, sono inclusivo". "Sono dialoghi che però non possono riguarda me – ha proseguito – io ora sto pensando a come azzerare i roghi tossici, il resto appartiene ad altri". Qualsiasi futuro presidente di Regione – ha concluso – dovrà "tenere in considerazione la questione ambientale e contrastare la Terra dei Fuochi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

Torna su
NapoliToday è in caricamento