Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

"L'apertura notturna delle stazioni per i clochard è un bluff": l'attacco dell'ex assessore Gaeta, poi la replica

Roberta Gaeta denuncia cancelli chiusi per i senzatetto ieri alla metro Vanvitelli, questo contrariamente a quanto esponenti della giunta avevano dichiarato

"L'annuncio da parte dell’amministrazione comunale di Napoli, dell’apertura della stazione Vanvitelli durante le ore notturne, per consentire ai senza dimora di ripararsi dal freddo invernale, è stato solo un bluff". Così l'ex assessore Roberta Gaeta oggi, in un post social molto critico verso l'amministrazione che si sarebbe dovuta occupare dell'apertura.

"La stazione, era stata aperta la scorsa domenica, soltanto dopo le numerose richieste giunte dalle associazioni e dal presidente della stessa Municipalità, a seguito del forte abbassamento delle temperature. Sconcerto e sconforto ieri sera (20 gennaio, ndR) quando, arrivati nei pressi della fermata Vanvitelli della metropolitana linea 1, i volontari che si erano recati sul posto per offrire i pasti ai senza dimora, hanno invece avuto un’amara sorpresa. Cancelli chiusi ed i senza dimora che avevano cercato di difendersi dal freddo invernale, dispersi chissà dove alla ricerca di un altro riparo", prosegue Gaeta.

"Non c’è nulla di peggio che ingannare persone già tradite dalla vita. Grande annuncio dell’assessore di riferimento in tv, addirittura al Tg3, per una cosa che si fa da anni e che, stavolta, è stata solo una farsa per “apparire”. Si, perché definire “piano freddo” l’apertura dalle 23.00 alle 5.00 della stazione della metropolitana è l’ennesimo schiaffo che questa amministrazione ha inferto alle persone che vivono in condizioni di povertà estrema e di marginalità sociale ed esistenziale.

Chiunque sappia minimamente di cosa stiamo parlando, sa che è un orario assolutamente inadeguato ed inconciliabile con la realtà dei senza dimora. Una spesa che l’amministrazione sostiene per tutelare, non le persone fragili, ma la propria immagine aggiunge ancora – Già durante tutto lo scorso anno si è dovuto assistere a penose passerelle, ma mettersi in mostra senza ritegno e farlo sulla pelle dei più deboli, è veramente troppo. Troppo anche per un’amministrazione che sta evidenziando ogni giorno di più il suo fallimento".

"Finti proclami, promesse non mantenute, impegni disattesi, selfie con grandi sorrisi, favole e leggende…questo è il tenore di alcuni rappresentanti istituzionali cittadini. Nessuno più di me sa quanto è difficile dare risposte concrete quando si hanno pochi mezzi e strumenti, come sia difficile programmare e realizzare azioni e servizi in una città complicata come Napoli, ma c’è una cosa che è inaccettabile: il tradimento, l’imbroglio, il mentire sapendo di farlo, e farlo con chi non ha voce, con chi non ha “rivoluzionari” a cui appellarsi per farsi rappresentare".

Quello di cui ha bisogno la città, per l'ex assessore, è "di capacità e competenze, di senso di responsabilità e spirito di servizio".

La replica

"Questa notte, dopo le segnalazioni dei giorni scorsi riguardo a presunti disservizi, ho effettuato di persona un sopralluogo a Piazza Vanvitelli per verificare l'apertura della stazione metro inserita nel Piano Antifreddo" ha dichiarato oggi l'assessore al Lavoro (con delega al Contrasto alle povertà) del Comune di Napoli Giovanni Pagano, che quindi ha visitato le stazioni nella notte tra giovedì 21 gennaio e venerdì 22 (la denuncia si riferiva alla notte del 20).
"Come ho potuto constatare con i miei occhi il servizio è funzionante. Ho avuto conferma dai dirigenti ANM che anche nelle scorse notti la stazione era a disposizione del Piano Antifreddo. Rivolgo un appello alle associazioni che operano con i Senza Fissa Dimora per comunicare il funzionamento del servizio dalle ore 23,00 alle ore 5,00", ha proseguito Pagano.
"Ricordo che la richiesta di apertura della stazione metro di Vanvitelli ci è giunta da alcune associazioni. Ringrazio i cittadini per le segnalazioni e li invito a continuare. Stiamo effettuando un monitoraggio della zona per verificare l'effettivo flusso di persone che utilizzano il servizio per trovare riparo dal freddo. Nei prossimi giorni convocheremo un tavolo per migliorare sempre di più il servizio. Nella notte sono stato anche alle stazioni di Museo e Municipio, che insieme ai centri "La Tenda" e "La Palma", sono aperte per garantire riparo dal freddo notturno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'apertura notturna delle stazioni per i clochard è un bluff": l'attacco dell'ex assessore Gaeta, poi la replica

NapoliToday è in caricamento