Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nappi (Lega): "Campania ultima in tutto. Serve un cambiamento radicale"

Il candidato alle regionali 2020: "La nostra regione fanalino di coda per lavoro, fondi europei e trasporti. De Luca? Un cabarettista che pensa solo alle poltrone"

 

E' stato assessore regionale al Lavoro dal 2010 al 2015, quando alla guida della Regione Campania c'era Stefano Caldoro. Oggi, Severino Nappi è candidato alle regionali del 20 e 21 settembre 2020 tra le fila della Lega: "Per un meridionalista come me era l'unica scelta possibile - spiega - La Lega mette al primo posto la territorialità e credo sia il soggetto politico più titolato a difendere i valori della Campania". 

Per Nappi non c'è nulla da salvare nel quinquennio deluchiano: "I dati sono chiari: siamo ultimi in Europa per occupazione, ultimi in Italia per spesa dei fondi europei. A questo aggiungerei altri dati che fanno riflettere: mai, prima dell'Amministrazione De Luca, Cumana e Circumvesuviana si erano classificate ultime nella classifica delle linee ferroviarie di Legambiente". 

I sondaggi indicano il governatore uscente avanti rispetto ai suoi competitor: "Quando i campani erano chiusi in casa per il lockdown c'è stato un cabarettista che rassicurava tutti con frasi divertenti. Ecco, usciti di casa abbiamo scoperto che la realtà è ben diversa. Il mese di agosto è trascorso con la Magistratura che ha scandagliato tutte le spese legate all'emergenza Covid. E De Luca, che a maggio sosteneva di aver garantito pochi contagi, oggi che la Campania è prima per nuovi casi Covid incolpa i cittadini. Credo che di queste menzogne siano stanchi anche gli elettori".

La Lega è a sostegno della candidatura a presidente di Caldoro: "Da assessore ho varato il primo piano Lavoro della storia della Campania. Purtroppo, i 5 anni passati hanno cancellato tutto. Vogliamo ripartire e farlo dai servizi sociali, dagli aiuti alle persone che perdono il lavoro e ai giovani che non lo trovano. Vogliamo ripartire non solo dal turismo, ma anche dalla rigenerazione urbana, che darebbe nuova linfa all'edilizia. E non possiamo dimenticare il miglioramento di servizi fondamentali come Sanità e Trasporti, smantellati dal Governo De Luca". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento