Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Movida, scontro Regione-Comune. De Magistris: "Capricci dannosi per la salute dei cittadini"

Il sindaco ha replicato alla scelta di De Luca di impugnare l'ordinanza comunale che permetteva una maggiore apertura degli spazi cittadini

 

"C'è qualcuno che per per colpa di qualche capriccio mette a rischio la salute dei cittadini". Luigi de Magistris mette fine a quella che era sembrata una tregua nell'eterna battaglia contro Vincenzo De Luca. La chiacchierata della scorsa settimana aveva fatto presagire l'apertura di un dialogo, ma tutto è franato davanti al tema della movida cittadina. 

La Regione, infatti, ha impugnato l'ordinanza con cui il Comune, venerdì scorso, consentiva ai locali di restare aperti fino alle 3 di notte, definendola illegittima. "Siamo stati chiari con il premier Conte - ha spiegato de Magistris - i sindaci non sono più disposti a subire passivamente le decisioni dall'alto, soprattutto se senza senso o, addirittura, dannose. Aprendo spazi e allargando gli orari la nostra idea era quella di decongestionare. Per questo motivo, nella nostra ordinanza c'era anche la riapertura del Bosco di Capodimonte e della Floridiana. Sabato era prevsto un confronto con i vertigi della Regione in Prefettura, ma hanno preferito disertare".  

In mezzo, ci sono cittadini e forze dell'ordine, disorientati da indicazioni divergenti e, spesso, contrastanti: "Non vogliamo mettere in difficoltà nessuno. Vogliamo ripristinare un principio democratico. Questa colpevolizzazione di cittadini e commercianti non va bene". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento