Politica

Schmidt: "Se perdo a Firenze resto a fare il capo dell'opposizione, senza rinunciare a Capodimonte"

"La legge me lo consente"

"Se perdo, resto a fare il capo dell'opposizione in consiglio comunale".Sono le parole di Eike Schmidt, candidato sindaco del centrodestra, al confronto con Sara Funaro del centrosinistra, organizzato da Repubblica all'auditorium della Camera di Commercio. I due si sfideranno nel ballottaggio del 23 e 24 giugno, come riporta FirenzeToday.it. È la prima volta dall'inizio della campagna elettorale che l'ex direttore degli Uffizi mette in campo esplicitamente l'ipotesi di restare nel Salone dei Dugento anche in caso di sconfitta, senza peraltro rinunciare alla direzione del Museo di Capodimonte di Napoli. "Non c'è incompatibilità, la legge me lo consente", conferma lui. "Servirà un trasporto ferroviario molto efficiente, perché dovrai fare il pendolare allora", replica Funaro.

I dubbi

"È una trovata, non resterà in consiglio", dicono in diversi. "Resterà, resterà", assicura Massimo Sabatini, il più votato della lista Schmidt. Da vedere anche come prenderanno la notizia a Napoli: la direzione di un museo così importante come il Capodimonte non è certo una passeggiata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schmidt: "Se perdo a Firenze resto a fare il capo dell'opposizione, senza rinunciare a Capodimonte"
NapoliToday è in caricamento